martedì 7 dicembre 2021

Quanto deve dormire un bambino in base alla sua età?

 

L’importanza del sonno: quanto ha bisogno di dormire un bambino?

Il sonno è un bisogno primario, soprattutto all’inizio della vita.

Mentre dormiamo, oltre a recuperare energia, nel nostro corpo si verificano eventi di enorme importanza. Tra questi, la crescita e alcuni processi metabolici e biochimici.

Ci sono anche cambiamenti a livello cerebrale o cognitivo, come la classificazione delle informazioni, il consolidamento dell’apprendimento e della memoria, tra gli altri.

Pertanto, la mancanza di un sonno di qualità influisce sulla capacità di concentrazione e attenzione, che è fondamentale durante il periodo scolastico.


Infine, va notato che non si dorme allo stesso modo in tutto il mondo, poiché i rituali variano da cultura a cultura e da famiglia a famiglia.

Segnali che un bambino ha bisogno di dormire

I bambini sono in grado di inviare segnali che hanno bisogno di dormire fin dalla tenera età.

Tuttavia, non sempre riescono a verbalizzarlo (“voglio dormire”) e molto spesso affermano il contrario: “combattono” il sogno e fanno di tutto per restare svegli per continuare il loro gioco.

Alcuni dei segni diretti e indiretti di stanchezza sono i seguenti :

  • sbadigliando
  • Strofinare dagli occhi.
  • Irritabilità.

Quanto ha bisogno di dormire un bambino in base all’età?

Col passare del tempo, i bambini hanno bisogno di meno ore di sonno. Questo perché il sonno cambia e matura man mano che il cervello si sviluppa. Tuttavia, nei primi anni di vita il sonno è caratterizzato dall’essere instabile e questa tendenza si mantiene fino al terzo compleanno.


Successivamente, condivideremo un elenco approssimativo di ore di riposo consigliate, in modo che tu sappia quanto dovrebbe dormire tuo figlio in ogni fase della sua vita. Prendi nota!

  • Neonati: dormono circa 16 ore al giorno, senza uno schema differenziato tra giorno e notte.
  • 3 mesi: in genere il riposo giornaliero medio è di 15 ore, di cui dalle 8 alle 9 ore di sonno notturno e 7 ore di sonno diurno.
  • 6 mesi: dal secondo semestre le ore medie giornaliere sono 14. All’interno di queste, 10 ore sono di notte e solo 4 ore sono diurne.

E ancora..

  • 1 anno: a partire dal primo compleanno il numero delle ore totali non cambia, ma lo schema cambia. Pertanto, tendono a dormire 10-11 ore di notte e 3 ore durante il giorno. Fanno ancora 2 sonnellini.
  • 1 anno e 6 mesi: dormono in totale 13,5 ore al giorno, 11 ore la notte e 2,5 ore di giorno (in un solo pisolino).
  • 2 anni: per questa fase il numero di ore giornaliere si riduce a 13, di cui 11 di sonno notturno e solo 2 ore di sonno diurno.


Fino a 5 anni, i pisolini sono generalmente necessari e consigliati. Tuttavia, dopo i 3 anni, un’alta percentuale di bambini li abbandona.

Al di là dei numeri, è importante considerare le reali esigenze di ogni bambino. Cioè, potrebbero esserci raccomandazioni generali, ma ogni bambino dovrebbe riposare in base alle proprie attività quotidiane.

Infine, quando si riscontra una difficoltà o un’alterazione nel sonno del bambino, è necessario prestare attenzione al contesto, poiché questi cambiamenti possono corrispondere ad un evento stressante.

Ad esempio, quando il tuo caregiver principale riprende il suo programma di lavoro e inizia a trascorrere meno ore con il bambino.

Quali fattori possono ostacolare il sonno di un bambino?

Nonostante i risvegli notturni, il bambino può mantenere un sonno di qualità. Questo dipenderà dal livello in cui ti trovi e dall’ambiente intorno a te.

Tuttavia, risvegli frequenti o aumentati possono indicare la presenza di alcuni disturbi del sonno che dovrebbero essere valutati.


In questo senso, è necessario prestare attenzione ad alcuni cambiamenti nel comportamento diurno che possono suggerire una mancanza di riposo.

Alcuni dei fattori che influenzano la qualità del sonno del bambino sono i seguenti:

  • Ansia da separazione.
  • Iperstimolazione.
  • Incertezza e angoscia.
  • Paure notturne: a volte motivate dal silenzio e dall’oscurità, dai 2 anni di età.
  • Il processo di dentizione.

Come accompagnare il sonno del bambino

Per facilitare il riposo del bambino è importante stabilire una routine stabile ma flessibile.

Ciò significa abbastanza prevedibile da permetterti di anticipare il tempo del sonno (come la sequenza bagno-cena-racconto), ma adattabile a circostanze straordinarie (come un compleanno).

Quando i bambini sono più grandi è fondamentale rispettare determinati orari, come la cena.

Allo stesso modo, è necessario incorporare abitudini calme: condividere una storia, indossare abiti da notte, sospendere la televisione o sdraiarsi accanto a lui e accarezzarlo finché non si addormenta.


Si consiglia inoltre di mettere a letto il bambino quando è assonnato, ma prima che si addormenti.

Quindi, se si sveglia di notte, non si sentirà spaesato o spaventato dal non sapere dove si trova. Inoltre, questo faciliterà l’associazione tra il sonno e la culla o il letto.



L’importanza di prendersi cura del riposo di un bambino

Molte volte ci imbattiamo in consigli di esperti che consigliano di far piangere i bambini e di non alzarsi per accudirli per non “abituarli male”.

Tuttavia, tenete presente che mentre i bambini piangono, soffrono. E oltre a non essere rispettosi dei loro bisogni, potremmo generare un effetto controproducente: incoraggiare la paura della notte e di stare da soli.

O, quel che è peggio, potrebbe finire per acquisire la consapevolezza che nessuno risponderà alle sue grida.

Nessun commento:

Posta un commento

Roma, bambino di 11 anni investito da suv : è in gravi condizioni

  Un bambino di 11 anni è rimasto gravemente ferito dopo essere stato investito da un suv in via del Torraccio di Torrenova, alla periferia ...