martedì 22 febbraio 2022

Corre in ospedale per partorire: poi i dottori vedono cosa c’è nella pancia e non possono crederci

  




Tutti i genitori pensano che i propri figli siano speciali.

In verità è molto più che un pensiero, loro sentono di avere dei figli speciali.

Chrissy Corbitt, 29 anni, non fa eccezione: sa bene cosa voglia dire essere mamma. I suoi primi due figli pesavano rispettivamente 4 e 4,5 kg.

Ma niente avrebbe potuto prepararla per la sua terza e ultima gravidanza…


Chrissy Corbitt, una mamma della Florida, credeva di sapere già tutto sulle gravidanze quando le hanno detto di essere in attesa del suo ultimo figlio. Già all’inizio della gravidanza, Chrissy sospettava che il bambino sarebbe stato molto grande, però non immaginava quanto.

“La pancia diventava sempre più grande. Era come se avesse un enorme pallone da spiaggia al posto della pancia e qualcuno lo gonfiasse sempre di più,” ha raccontato Larry, il padre del bambino.

Anche gli altri figli di Chrissy erano molto più grandi della media, ma nessuno di loro era grande quanto l’ultima, Carleigh.


Nata con taglio cesareo il 13 maggio 2017, Carleigh pesava ben 6 kg. Abbastanza da scioccare Chrissy, che non aveva idea di quanto fosse grossa sua figlia.


“Quando la pediatra me l’ha mostrata da dietro la tendina ho detto: ‘Oh mio Dio, è enorme’,” ha raccontato Chrissy a Inside Edition.

Chrissy non era l’unica ad aspettare l’arrivo della bambina. Tutte le persone nella stanza non vedevano l’ora di vedere quanto sarebbe stata grossa, dato che anche i suoi precedenti figli erano molto grandi.

Quando Carleigh è finalmente venuta al mondo, sua madre ha ricevuto un giro di applausi. “Ho sentito tutti festeggiare in sala da parto. Non mi era mai successo prima,” ha detto Chrissy.

Quello era ovviamente l’inizio di una storia enorme per Chrissy e Larry. La piccola Carleigh era così grande che non entrava nei vestitini da neonata che i suoi genitori le avevano già comprato.




Stessa cosa con i pannolini; i genitori avevano già preparato tutto per il suo arrivo. Ma dopo la sua nascita le cose sono cambiate drasticamente.

“Abbiamo donato tutte le cose che avevamo comprato per lei alla chiesa locale,” ha detto Larry.

La situazione era piuttosto stressante per i genitori, ma sono comunque riusciti a trovare il modo di aiutare gli altri.

Carleigh cresceva e continuava ad essere sempre più grande degli altri bambini della sua età. A tre settimane di età, indossava già vestitini per bambini di 9 mesi!


Sembra già che sarà una ragazza molto alta. Tuttavia, Carleigh non è la neonata più grande di tutti. Stando al libro del Guinness dei Primati, c’è stato un bambino nel 1879 che appena nato pesava più di 9 kg! Assurdo!


A parte la particolarità del suo peso, Carleigh sta bene ed è piena di energie.

Chrissy ha detto: “È una bambina felice e sorride sempre, non ne ho mai abbastanza.”

Chrissy e Larry amano tutti i loro figli ma hanno deciso che Carleigh sarà l’ultima.



1 commento:

  1. Come affrontare la tragedia e aiutare gli altri ad affrontarla

    L'editore di Monaco ha pubblicato il libro intitolato “Ogni terza donna”. La scrittrice, ha dedicato il libro a tutti i bambini stellati e ai loro genitori.
    I bambini stellati in Germania vengono chiamati mai nati, quelli che sono morti durante il parto o quelli che sono deceduti poco dopo la loro nascita. Nel suo libro, la scrittrice dà voce alle donne che hanno perso i loro figli non ancora nati, ma non hanno rinunciato a una gravidanza con lieto fine, e anche al uomo che è sopravvissuto al dolore della interruzione della gravidanza della sua dolce meta. Queste storie dimostrano: coloro che hanno vissuto un trauma psicologico così grave dovrebbero assolutamente lavorarci su e non essere lasciati nella solitudine con il problema.
    La stessa scrittrice ha affrontato un problema simile ai suoi tempi. – “Mi dispiace signora, ma non sento più il battito cardiaco del feto”, la stessa è rimasta senza parole dopo le fatidiche parole del medico durante uno dei suoi controlli di routine. Come ammette l’autrice del libro, non aveva mai vissuto un tale shock.
    Gli specialisti della clinica di medicina riproduttiva del prof. Feskov hanno a che fare con storie simili ogni giorno e sanno quanto sia importante il sostegno per le famiglie che lo attraversano. Sono sempre pronti ad offrire soluzioni per coloro che sognano di diventare genitori.

    RispondiElimina

Bimbo giù dal balcone, la babysitter «deve essere processata». Per i periti non c'è vizio di mente

  Monica Santi, la babysitter carpigiana che il 31 maggio a Soliera, in provincia di Modena, ha gettato dalla finestra il bambino di 13 mesi...