martedì 1 marzo 2022

Assegno unico: ecco le date dei pagamenti annunciate dall'inps

 




Da inizio gennaio è possibile fare domanda per l’assegno unico universale, la misura di sostegno dedicata ai genitori con figli a carico dal settimo mese di gravidanza fino ai 21 anni di età.

Il contributo andrà ad assorbire diversi precedenti sussidi, compreso l’assegno unico temporaneo



L’assegno temporaneo è stata una prestazione transitoria, prevista dal 1° luglio al 31 dicembre 2021, destinata alle famiglie in possesso dei requisiti previsti dalla legge per ogni figlio minore di 18 anni. A differenza dell’assegno universale, era destinato solamente ai lavoratori autonomi e disoccupati



Chi ha usufruito della misura, deve ancora ricevere l’ultima rata riferita a dicembre. Come specificato dal sito dell’Inps, il pagamento avviene mensilmente, quindi la rata di dicembre dovrebbe essere erogata dal 26-27 gennaio 2022


L'assegno temporaneo è stato sostituito ufficialmente dall'assegno universale. Coloro che hanno ricevuto la misura temporanea dovranno ripresentare la richiesta, per la quale è necessario un Isee aggiornato


L’importo dell’assegno universale è determinato sulla base della condizione economica del nucleo familiare. Andrà a scalare con l'aumento del reddito: da 175 euro mensili per Isee pari o inferiore a 15mila euro si scende man mano fino a 50 euro per Isee pari o superiore a 40mila euro


L’assegno universale per i figli a carico riguarda tutte le categorie di lavoratori dipendenti (sia pubblici che privati), lavoratori autonomi, pensionati, disoccupatiinoccupati


La domanda per l’assegno universale è annuale e comprende le mensilità che vanno da marzo a febbraio dell’anno successivo. Può essere presentata a partire dal 1° gennaio 2022 da uno dei due genitori



Come chiarisce l’Inps, per le domande presentate a gennaio e febbraio, l’assegno sarà corrisposto a partire dal mese di marzo 2022 e i relativi pagamenti saranno effettuati dal 15 al 21 marzo


Per le domande presentate successivamente dopo marzo ma entro il 30 giugno 2022 il pagamento verrà effettuato alla fine del mese successivo a quello di presentazione della domanda, con tutti gli arretrati a partire dal mese di marzo 2022


Per le domande presentate dopo il 30 giugno, l’assegno invece decorre dal mese successivo a quello di presentazione

Nessun commento:

Posta un commento

Bimbo giù dal balcone, la babysitter «deve essere processata». Per i periti non c'è vizio di mente

  Monica Santi, la babysitter carpigiana che il 31 maggio a Soliera, in provincia di Modena, ha gettato dalla finestra il bambino di 13 mesi...