venerdì 11 marzo 2022

Spara e uccide la figlia appena nata: voleva un primogenito maschio


 


Ha sparato e ucciso la figlia di sette giorni perché voleva che il suo primogenito fosse un maschio.



Orrore in Pakistan dove la polizia è intervenuta arrestando Shahzaib Khan, presunto killer della neonata uccisa in casa a Mianwali, nella provincia del Punjab. A testimoniare che il neo papà fosse infuriato per la nascita di una bambina è stato un parente. Ha detto anche che l’uomo era rimasto fuori casa dopo aver saputo della nascita di sua figlia e non voleva accettarla. Il membro della famiglia, riporta il Mirror, ha inoltre raccontato di aver cercato di prendere la piccola ma il padre gli ha puntato contro pistola minacciando di sparare se qualcuno si fosse avvicinato.



L'ufficiale di polizia del distretto di Mianwali, Ismail Kharak, ha detto a Dawn News che sulla scena del delitto c’erano 4 bossoli e prove schiaccianti che saranno portate in tribunale. Secondo l'autopsia la piccola Jannah, che significa "paradiso", è stata uccisa sul colpo. Le associazioni per i diritti umani combattono la piaga dell'infanticidio femminile ancora oggi diffuso in Pakistan.



La direttrice del centro di assistenza sociale nella più grande città del Pakistan, Karachi, ha riferito, riporta il Sun, che oltre 500 corpi di bambini sono stati trovati abbandonati negli ultimi due anni. Tra i motivi ipotizzati la paura di dover pagare la dote alla figlia per il matrimonio o quella di essere “disonorati” da eventuali comportamenti di una ragazza, solitamente legati al sesso.

Nessun commento:

Posta un commento

Bimbo giù dal balcone, la babysitter «deve essere processata». Per i periti non c'è vizio di mente

  Monica Santi, la babysitter carpigiana che il 31 maggio a Soliera, in provincia di Modena, ha gettato dalla finestra il bambino di 13 mesi...