venerdì 22 aprile 2022

Mamma uccide i suoi 3 figli, il papà è perseguitato dalle ultime parole del figlio: “Mamma, fermati”


 


Il pensiero che possa succedere qualcosa ai nostri figli è terribile.


L’incubo peggiore per un genitore è non poter essere lì per aiutarli se dovesse succedere qualcosa di brutto.


Sono passati ormai più di due anni da quando un padre ha perso i suoi tre amati figli, ha scritto The Sun.


Quando ha iniziato a sospettare che potesse essere successo qualcosa di male, purtroppo era già troppo tardi.


Ancora oggi, questo povero padre sente nella sua mente le ultime parole che il suo bambino più piccolo ha rivolto alla sua assassina: sua madre.


Mi fa male il solo pensiero che possa succedere qualcosa di simile alle persone che amo.

Non voglio neanche pensare alla possibilità che possano rimanere coinvolte in un incidente o ammalarsi, è davvero troppo.


Ma un giorno del gennaio 2020, un padre ha vissuto l’incubo peggiore per un genitore. È tornato a casa da un viaggio di lavoro e ha trovato i suoi tre figli uccisi.


Sua moglie, e madre dei bambini, non era in casa. Se n’era andata in auto nonostante avesse bevuto.


Poco dopo, ha avuto un incidente in una rotatoria ed è stata riportata a casa da un altro guidatore che l’ha aiutata in seguito a quanto successo.

Ma non appena tornata a casa, è uscita di nuovo quasi subito, ha scritto The Sun. Tuttavia, non è riuscita ad allontanarsi molto ed è stata trovata in un taxi dalla polizia. La donna se n’era andata di casa per un motivo ben preciso.



Nel processo per la tragica morte dei tre bambini, la donna ha ammesso di essere stata lei a ucciderli.


I bambini avevano 9 e 7 anni, mentre la bambina 3. La madre ha ammesso durante il processo di averli soffocati mettendo loro delle buste di plastica in testa.

Suo marito, presente al processo, ha sentito la moglie affermare che il loro figlio più piccolo, che aveva solo 7 anni, l’ha pregata di fermarsi.


“Mamma, fermati, che stai facendo?” sono state le sue ultime parole.


“Faccio davvero molta fatica, perché tutto ciò che sento nella mia testa sono le ultime parole di nostro figlio. Mi risuonano spesso nella mente,” ha detto l’uomo.

“Tra me e lei immagino non ci sia futuro. Per noi non potrà mai più essere normale.”


“Io so di essere cambiato completamente come persona.”


È stato stabilito che la donna debba affrontare delle cure perché pare abbia commesso i crimini a causa di un grave disturbo mentale.


Dopo degli esami, i medici hanno scoperto che soffre di un disturbo bipolare.


“Nel momento del reato, la donna soffriva di un grave disturbo mentale. Lei sapeva il significato di quell’atto, sapeva che ciò che stava facendo avrebbe ucciso i suoi bambini, ma non sapeva che ciò che faceva era sbagliato,” dice una dichiarazione pubblica sull’incidente.


“C’era un motivo psichiatrico dietro ciò che ha fatto. Lei credeva che ciò che stava facendo era moralmente giusto, credeva che i bambini fossero feriti e lei dovesse mettere fine alla loro sofferenza.”



Al processo, la mamma ha detto di avere pensieri suicidi e di voler aiutare i suoi figli a non soffrire.


Uccidendoli, lei desiderava salvarli impedendo loro di soffrire in futuro.

“Dovevano morire. Non potevo portarli con me. Io li avevo distrutti non riuscendo ad essere una buona madre e con le malattie mentali. Sentivo che erano spacciati e volevo liberarli dall’infelicità futura. Avevo perso ogni speranza per loro. Sentivo che erano feriti,” ha detto la madre durante il processo. Oggi, sono poco più di due anni che questo padre ha perso i suoi amati figli.


Nonostante sia dura, lui vuole che la moglie riceva l’aiuto necessario.

“Se posso aiutare il suo team di medici o quello di legali in qualsiasi modo sono felice di farlo, e questo lo sa anche lei,” ha detto il marito.


“Se verrà rilasciata sarà una loro decisione. Io non sono un professionista, non è qualcosa al quale ho pensato. Ma credo che per lei ci sia il modo di guarire.”




Nessun commento:

Posta un commento

I terribili due anni: come affrontare le crisi isteriche dei bambini

  I due anni costituiscono una piccola adolescenza in cui il bambino inizia a esplorare il suo carattere e richiedere autonomia, cosa che sp...