sabato 17 settembre 2022

Roma choc, lo zio abusava delle nipotine: «Ero posseduto da Satana». I racconti terribili delle bambine


 


Toccava ed abusava delle sue nipotine. 10 e 14 anni.

 



Le due bambine hanno trovato il coraggio di raccontare allla loro mamma, cosa avrebbe fatto loro lo zio, il fratello della donna, a cui affidava le figlie, quando era indaffarata. Le due famiglie vivevano nello stesso palazzo, a Roma. Il fratello al piano di sopra e lei con le bimbe di sotto. «Zio mi tocca come fa con mia sorella» avrebbe detto la più piccola alla mamma, che sotto choc è salita dal fratello a chiedere spiegazioni, e lui ha confessato, scrive un articolo del Corriere della Sera di Roma.



«Ero posseduto da Satana...era come se fossi un’altra persona, non mi rendevo conto. Avrei dovuto ammettere la pazzia anni fa», ha detto l'uomo 50enne agli inquirenti che lo hanno interrogato ed arrestato, rinchiuso nel carcere di Regina Coeli in attesa di giudizio. La terribile storia, risale a maggio scorso, ma è finita in procura solo lo scorso mese, quando le due sorelle sono state sentite in audizione protetta, risultando credibili. C'è un altro aspetto inquietante da capire, però. Insieme all'uomo, viveva anche sua madre, la nonna delle bambine, nei confronti della quale i pm devono comprendere quanto sapesse.



Gli abusi sulla bambina di 14 anni, sarebbero iniziati quando lei era molto piccola, appena 6 anni, andati avanti per sette lunghi anni, finché lei non ha trovato la forza di opporsi. Secondo il racconto della ragazzina, lo zio l'avrebbe costretta al sesso, prima sotto forma di «gioco» o in cambio dell’uso del wi-fi, per poi ricattarla dicendole che le avrebbe fatto «fare brutta figura» con la mamma. Gli inquirenti avrebbero trovato in casa del 50enne dadi con le posizioni sessuali e persino cartoni animati a sfondo porno. E lo stesso trattamento sarebbe stato riservato anche alla sorellina più piccola.

Nessun commento:

Posta un commento

Bimbi dell'asilo nido maltrattati, indagate 5 maestre e la titolare: «Li sbattevano per terra per costringerli a stare seduti»

Bambini  sbattuti per terra, strattonati per i fianchi, lasciati piangere chiusi in una stanza o anche messi a dormire in bagno.