venerdì 11 novembre 2022

Debora Pierini, la giovane incinta ustionata nell'esplosione di Lucca è morta. Il piccolo Dante, nato con cesareo, sta bene

 


Suo figlio, Dante, è nato e sta bene, ma la mamma di 26 anni, Debora Pierini, non è riuscita a sopravvivere alla gravità delle ferite provocate dall'esplosione avvenuta in casa, a Torre, comune in provincia di Lucca, causata da una fuga di gas


La donna, lo scorso 27 ottobre, è stata estratta ancora in vita dalle macerie della casa, ma le sue condizioni erano disperate, troppo estese le ustioni sul corpo.


D'urgenza è stata trasportata in coma al centro grandi ustionati di Cisanello ed è stata fatta partorire con un cesareo, ma dopo due settimane di lotta per la vita, ieri notte, si è spenta, lasciando un bimbo di appena 14 giorni portato all'ospedale pediatrico Meyer di Firenze.


Lutto per Debora

Nell'esplosione era già morta una coppia di coniugi: Luca Franceschi, 69 anni e la compagna Lyudmyla Perets di 44 anni. La figlia, di 17 anni, si è salvata perché era a scuola, mentre due camionisti che transitavano vicino alla palazzina sono rimasti feriti. 


Cordoglio da parte del Comune di Lucca espresso dal sindaco Mario Pardini: «L'amministrazione e la città si stringono intorno alla famiglia, in un cordoglio difficile a esprimersi con le parole: siamo comunità anche nel grande dolore di una così giovane vita spezzata». 

Nessun commento:

Posta un commento

Choc a scuola a Latina, ragazza di 12 anni cade dalla finestra del primo piano: è in codice rosso

  Paura questa mattina in una scuola media di Latina. Un'eliambulanza è atterrata poco dopo le 10 nell'area verde che si trova vicin...