mercoledì 16 novembre 2022

Il padre chiede un intervento in casa per la muffa ma nessuno lo aiuta, il figlio di 2 anni muore


 


La famiglia ha chiesto più volte un intervento, ma è sempre stato risposto che avrebbero dovuto pulire le mura, una soluzione non efficace e superficiale che infatti non ha impedito che il bimbo di 2 anni sviluppasse una grave condizione respiratoria.



Il papà aveva chiesto aiuto perché la sua casa era invasa dalla muffa, ma nessuno lo ascolta e il figlio di 2 anni muore. L'uomo aveva chiesto un intervento nella sua abitazione, una casa di edilizia popolare in Gran Bretagna, dopo che le mura si erano riempite di muffa, nessuno però ha mai fatto nulla e il figlio Awaab Ishak, di soli 2 anni, è morto a causa di una patologia respiratoria collegata proprio alle spore.



A confermare il sospetto della famiglia, che avava visto iniziare a star male il piccolo con l'espandersi della muffa, è stato il medico legale. Il dottore ha spiegato che il bambino è stato ucciso dalla prolungata esposizione alla muffa nella sua casa, nonostante il problema fosse stato segnalato più volte. Il padre ha provato in diverse occasioni a chiedere un intervento, ma ogni volta gli è stato risposto che bastava pulire le pareti, in realtà, la perizia ha stabilito che la proprietà aveva una ventilazione inadeguata e non era attrezzata per le normali attività quotidiane così da favorire la formazione di umidità e condensa.



La famiglia di oggi chiede che venga fatta giustizia, dopo che le loro numerose richieste di aiuto sono cadute nel vuoto. Il medico che ha curato il bambino, ha infatti confermato che lo sviluppo della grave condizione respiratoria di Awaab, che lo ha portato ad avere un arresto respiratorio rivelatosi letale, è stata interamente dovuto alla prolungata esposizione nel suo ambiente domestico alle muffe. 

Nessun commento:

Posta un commento

Bimbo di un anno ingerisce cannabis, portato in ospedale in overdose. «Aveva una frattura al cranio»

  Un bambino di 13 mesi è stato soccorso sabato all'ospedale dei Bambini a Palermo dopo che aveva ingerito della cannabis.