venerdì 4 novembre 2022

Rosa Andolfi morta a 29 anni dopo il parto, la perizia: «Poteva essere salvata»




La famiglia di Rosa Andolfi chiede giustizia. La mamma di 29 anni morta nell'ospedale Villa Betania di Ponticelli, nella zona orientale di Napoli, cinque ore dopo il parto del suo secondo figlio, poteva essere salvata.

La sua morte, avvenuta nella notte tra il 19 e 20 febbraio 2020, fu «archiviata» sulla base di una perizia redatta da quattro consulenti della Procura, ma è stata smentita da un secondo collegio peritale, nominato dal Tribunale, per il quale la condotta dei sanitari «ha determinato notevole perdita di chanches di sopravvivenza per la paziente».


La riapertura delle indagini

 

 

 

La famiglia, attaverso i loro legali, gli avvocati Amedeo Di Pietro e Alessandro Milo, fa sapere di essere in procinto di chiedere la riapertura delle indagini e di voler denunciare i consulenti della Procura. «Il padre, il compagno e il fratello di Rosa intendono fare luce sul perché due diversi collegi peritali sìano giunti a conclusioni diamentralmente opposte», fanno sapere i due avvocati. Lo scorso agosto, proprio grazie alla perseveranza dei due professionisti, e alle loro indagini difensive, si è scoperto che quella tragica notte in cui Rosa perse la vita, a soli 29 anni, lasciando un bimbo appena nato e un fratellino di 5 anni, in servizio c'era anche un medico rianimatore che era stato escluso dall'albo nel 2015.

 

Il malore post parto

 

Rosa, soffriva di una lieve forma della sindrome di Tourette (tic motori e fonatori incostanti). Accusò un malore dopo avere dato alla luce un florido maschietto, una crisi respiratoria, e sarebbe dovuta essere intubata dai sanitari i quali invece preferirono una ventilazione non invasiva. «Questa condotta rianimatoria - scrivono i due consulenti nominati dal Tribunale - unitamente alla errata strategia ventilatoria, hanno determinato notevole perdita di chanches di sopravvivenza per la paziente, che non ha potuto usufruire di una strategia terapeutica, e di una condotta ventilatoria, tali da offrire ampi margini di sopravvivenza/guarigione...». Ma non finisce qui.

 

Quattro ore di agonia

 

A differenza di quanto affermato nella precedente perizia, Rosa è rimasta quattro e non due ore in attesa di essere intubata, mentre era preda della crisi respiratoria poi risultata fatale. Per Di Pietro e Milo sarebbe necessario prevedere ora «una Legge apposita e un risarcimento per danni punitivi il cui accertamento è da rimettere al Giudice civile, come avviene negli Stati Uniti».

Nessun commento:

Posta un commento

Choc a scuola a Latina, ragazza di 12 anni cade dalla finestra del primo piano: è in codice rosso

  Paura questa mattina in una scuola media di Latina. Un'eliambulanza è atterrata poco dopo le 10 nell'area verde che si trova vicin...