sabato 5 novembre 2022

Violenta una bambina di 11 anni e la sorellina, figlie della sua amante: 70enne arrestato. La mamma: «Ti faccio un regalo se non dici niente»





Ha abusato di due bambine, le figlie della sua amante, e per questo un 70enne è finito in carcere. 

Eseguita dalla polizia la misura cautelare della custodia in carcere nei confronti di un cittadino italiano di 70 anni residente nella provincia di Monza, indagato per violenza sessuale su due sorelle preadolescenti, figlie della propria amante, commesse tra gli anni 2015 e 2020.


I fatti

Nell'estate 2019, durante il ricovero presso l'ospedale di Monza, una delle due ragazze confessava al proprio medico di avere un «peso che si portava dietro, una cosa vergognosa e grave che non aveva mai detto a nessuno». La ragazza, nei successivi colloqui con il sanitario, raccontava di un abuso sessuale subito all'età di 11 anni da un uomo che frequentava la propria abitazione. L'abuso sarebbe avvenuto nella casa delle ragazze ed avrebbe coinvolto anche l'altra sorella, anch'essa preadolescente.



La Procura della Repubblica di Monza, messa al corrente dei fatti dai sanitari, ha avviato le indagini ascoltando le due ragazze. Una di esse confermava il proprio narrato ai medici, descrivendo la violenza subita, aggiungendo che l'uomo le aveva promesso dei regali e le aveva inviato anche dei video in cui lui si masturbava, chiedendole in cambio delle fotografie.

La ragazza ha poi aggiunto di non aver informato i propri genitori delle violenze subite e di aver cercato rifugio nella droga alleviare la propria sofferenza, pensando addirittura al suicidio. La seconda ragazza, con grande sforzo e controllando le proprie emozioni ha cercato di negare gli abusi subiti. Le indagini accerteranno poi che anche la seconda adolescente era stata vittima di violenze sessuali.


La mamma: «Ti faccio un regalo se non dici niente»

La madre delle due ragazze non solo non ha supportato le proprie figlie, ma ha cercato di indurre una delle due, la più decisa nel denunciare gli abusi subiti, a ritrattare le proprie accuse, dicendole che le avrebbe giovato e promettendole un regalo.

 

Le indagini

La Procura della Repubblica di Monza ha, quindi, delegato il prosieguo delle indagini alla Squadra Mobile per giungere all'identificazione dell'uomo. Una volta giunti all'identità dell'indagato, la polizia ha dato corso ad un decreto di perquisizione della sua abitazione, sequestrando i dispositivi informatici in suo possesso.

Tra i dati memorizzati nei devices sequestrati all'uomo sono state rinvenute tracce inequivocabili della frequentazione delle due ragazze da parte dell'uomo e delle attenzioni sessuali che lui rivolgeva loro. In particolare, è stato rinvenuto un video a sfondo sessuale che l'uomo ha inviato alla madre delle ragazze accompagnato da un messaggio in cui chiedeva alla donna di farlo vedere ad una delle due ragazze, oltre ad altri messaggi a fini sessuali che l'uomo inviava, a volte direttamente alle ragazze, ed altre volte tramite la loro madre, che si prestava a far da tramite tra l'uomo e le ragazze.

La Procura della Repubblica di Monza, valutato le esaustive indagini svolte dalla Squadra Mobile ha richiesto, per l'uomo al Giudice per le Indagini Preliminari la misura della custodia cautelare in carcere. 


Il Gip, oltre a condividere il risultato delle indagini svolte dalla Procura della Repubblica e dalla Squadra Mobile, ha ravvisato il pericolo di inquinamento delle prove e di reiterazione del reato; per tale motivo, il Gip ha disposto per l'indagato l'applicazione della misura cautelare della custodia in carcere, misura eseguita nella mattinata odierna dalla Squadra Mobile.

Nessun commento:

Posta un commento

Choc a scuola a Latina, ragazza di 12 anni cade dalla finestra del primo piano: è in codice rosso

  Paura questa mattina in una scuola media di Latina. Un'eliambulanza è atterrata poco dopo le 10 nell'area verde che si trova vicin...