lunedì 16 gennaio 2023

La mamma va in travaglio nella sua piscina locale, la bagnina adolescente interviene e fa nascere il bambino





Da adolescente con il tuo primo lavoro, può essere un po’ stressante navigare nel mondo del lavoro degli adulti, specie se a tempo pieno.

Questa adolescente del Colorado, ha ottenuto molto più di quanto si aspettasse durante il suo turno di lavoro quando si è resa conto che era lei quella che avrebbe dovuto assistere una donna in travaglio.


La diciottenne Natalie Lucas di Longmont, in Colorado, era più responsabile della maggior parte dei suoi coetanei, motivo per cui ha iniziato a lavorare come bagnina in tenera età. Durante il suo lavoro, era ben consapevole di essere responsabile della sicurezza di tutti in piscina.

Durante la sua sorveglianza, si sarebbe assicurata che tutti rispettassero le regole di sicurezza e si sentissero al sicuro nella piscina della comunità.


Natalie è stata una bagnina per tre anni a questo punto, quindi era una esperta nel lavoro e conosceva le regole come il palmo della sua mano. Un giorno, mentre faceva il turno mattutino, ha notato una donna incinta entrare nell’area della piscina con il marito al seguito.


Sebbene una donna molto incinta in piscina fosse strano da vedere, non era del tutto fuori dal mondo delle possibilità, quindi Natalie non ci ha prestato molta attenzione.

La donna incinta si chiamava Tessa Rider e suo marito era Matthew Jones. La coppia era venuta in piscina per alleviare i dolori che Tessa stava vivendo.


La data del parto di Tessa era passata e lei stava provando un dolore all’anca, che è stato alleviato solo quando era in acqua, motivo per cui la coppia ha cercato rifugio nella piscina della comunità.


Natalie aveva in mente di tenere d’occhio Tessa a causa della sua condizione di gravidanza e abbastanza presto notò che la donna sembrava essere in difficoltà.

“Aveva un galleggiante [da piscina] per cercare di alleviare un po’ di tensione da tutto quel peso sulla sua parte anteriore, presumo, e poi ha iniziato a strisciare fuori dalla piscina… e io ho pensato, bene, devo andare a controllare che sia tutto a posto lì”, ha ricordato la bagnina di 18 anni.


Quando Natalie si avvicinò, notò che le acque di Tessa si fossero rotte sul ponte della piscina. Suo marito ha detto a Natalie che sua moglie stava andando in travaglio ed è allora che Natalie è entrata in azione.


”Mi avvicino e Matthew, il marito, mi dice: ‘Stiamo per avere il bambino in questo momento’. Io rispondo: “OK!”

Mentre Matthew ha chiamato i servizi di emergenza sanitaria, Tessa si stava togliendo il costume da bagno. Fu allora che Natalie notò che il bambino stava già incoronando. Era stupita di quanto fosse calma la coppia nonostante la rapidità con cui la situazione stava cambiando.

“Sapevo che dovevo rimanere calma e ragionevole. La coppia è stata molto calma mentre tutto accadeva, il che mi ha sorpreso. Quindi mi sono assicurata di mantenere la testa alta e stare con loro, continuare a fare loro domande, tenerli concentrati sul bambino e [assicurarmi] che [fossero] al loro agio il più possibile “, ha detto Natalie.


Natalie è entrata in azione e ha afferrato il kit del pronto soccorso e qualsiasi altro materiale medico su cui potesse mettere le mani. Ha anche preso degli asciugamani e ha avvisato la reception per ottenere maggiore assistenza. L’adolescente era molto concentrata sulla situazione che stava accadendo.


Natalie ha aiutato Tessa a mettersi in una posizione che le sarebbe stata più comoda. Il bambino finalmente è arrivato e Matthew lo ha preso tra le mani. Durante l’intero calvario, altre persone presenti sulla scena hanno chiamato i servizi di emergenza sanitaria per ottenere cure mediche per la madre e il bambino, che hanno ricevuto poco dopo.

Il piccolo Tobin Thomas Rider è nato fortunatamente completamente sano e si è aggiudicato un abbonamento a vita all’YMCA (it. Associazione Cristiana dei Giovani) fin dalla nascita.

La coppia è stata estremamente grata a Natalie e al suo aiuto durante la nascita del figlio.




Nessun commento:

Posta un commento

Violentata a 9 anni dall'amico di famiglia, genitori condannati: «Non vedranno più la figlia»

  Sapevano che la loro figlia veniva violentata sessualmente da un amico di famiglia, ma per lunghissimo tempo avrebbero fatto finta di nulla.