venerdì 7 aprile 2023

Mamma e papà stressati? In Germania possono riposarsi per 3 settimane retribuite





Da anni in Germania esiste la Kur, un ritiro di circa tre settimane in una clinica aperta ai genitori e, a volte, ai figli con meno di 12 anni per staccare la spina e recuperare le energie.

La Kur viene prescritta dal medico ed è quasi totalmente a carico dell’assistenza sanitaria. Il datore di lavoro riconosce come malattia i 21 giorni di relax, durante i quali mamme e papà si sottopongono a terapie e si dedicano ad attività rigeneranti come lo yoga.


In Germania ai genitori stressati o in esaurimento è concesso per legge di ritirarsi in una clinica per rigenerarsi e trovare sollievo da una quotidianità che li sta mettendo a dura prova. Si chiama «Kur» ed è una soluzione assistenziale che prevede un ritiro di tre settimane per mamme e papà, usufruibile ogni quattro anni, prescritto da un medico e di regola finanziato dall'assicurazione sanitaria. Chi ha figli può ristorarsi e ricaricare le pile sottoponendosi a terapie e attività per recuperare il benessere fisico e psicologico all’interno di specifiche strutture, dove ai genitori sono assicurati i servizi di pernottamento, mensa e assistenza dei figli.


Non è una novità nel Paese europeo: il diritto a staccare la spina e concedersi una pausa dal sovraffaticamento familiare è contemplato dalla riforma sanitaria tedesca del 2000 (riaggiornata nel 2015). I circa 21 giorni di Kur sono riconosciuti come malattia dal datore di lavoro, che continua a pagare lo stipendio al lavoratore per le prime sei settimane, cioè fino a quando a sopperire alle spese del dipendente subentra l’assicurazione sanitaria statale.


Kur: cos’è e cosa prevede il ritiro dei genitori

In Germania, quando un genitore manifesta sintomi di burnout e avverte di essere sull’orlo di un esaurimento, si rivolge al medico curante, che, dopo una valutazione, gli consiglierà la cura e la clinica più adeguate alle sue esigenze. Di norma, le cause scatenanti sono stress, emicrania duratura, mal di schiena, problemi di peso, disturbi emotivi. Si procede con la compilazione della documentazione da presentare al Servizio Sanitario Nazionale (Krankenkasse), che comunicherà al richiedente l’accettazione o il rigetto della domanda. Se il Krankenkasse dà la sua approvazione, la mamma o il papà ha 4 mesi di tempo per sottoporsi alla cura, che è quasi totalmente a carico dall’assicurazione sanitaria, con un contributo di 10 euro al giorno da parte del paziente.


Una volta in struttura, il paziente è sottoposto a una valutazione clinica, in seguito alla quale gli viene prescritto un programma di cura ad hoc, con esercizi fisici, attività come lo yoga e la meditazione, e terapie adatte. Il genitore ha la possibilità di portare con sé il figlio (se minore di 12 anni) come paziente o come accompagnatore ed è tenuto a rispettare uno stile di vita sano ed equilibrato nel periodo di permanenza, che non è una vacanza, ma un ritiro dalla quotidianità caotica per curarsi e prevenire il peggioramento di patologie psicologiche. Anche se viene prescritto per trattare un problema di salute, infatti, il ritiro genitoriale è suggerito come misura preventiva per impedire che disturbi e problemi relativamente lievi cronicizzino e degenerino.


Nella lista delle strutture abilitate come cliniche, figurano anche centri benessere, spa, monasteri e castelli affacciati sul mare o immersi nella natura. Ovviamente, 21 giorni di stop dalla routine non risolvono magicamente i problemi, tuttavia il servizio ha in genere un risvolto positivo e benefici duraturi sulla salute di mamme e papà e sull’atteggiamento dei figli.





Nessun commento:

Posta un commento

Bambino di 11 mesi bruciato vivo da un'improvvisa esplosione del termosifone: travolto dal vapore mentre dormiva nella culla

Un  bambino  di soli 11 mesi è morto in seguito a un drammatico incidente mentre si trovava a casa con la mamma e le sorelline gemelle nate ...