venerdì 5 maggio 2023

Milano, fugge dall'ospedale con il figlio di due mesi che era ricoverato






Un neonato era ricoverato da due mesi in ospedale, al Fornaroli di Magenta, provincia di Milano, perché con problemi di salute.

Più che problemi, in realtà il bimbo, era positivo a cocaina ed oppiacei, perché nato da una coppia di tossicodipendenti. I servizi social, allora, sono intervenuti e lo avrebbero tolto alla famiglia di origine.


Il padre del neonato, un uomo di 30 anni di origine egiziana, all'improvviso è piombato nell'ospedale per riprendersi suo figlio, ma tecnicamente per rapirlo, dopo l'intervento del giudice su segnalazione dei servizi sociali, che al riguardo hanno detto a Il Giorno: «Non siamo noi a seguirne l'iter. Probabilmente si tratta dei servizi sociali di un altro comune di zona. Come città di Magenta non siamo al corrente di questa delicata situazione familiare».


Considerate le condizioni problematiche dei due genitori, il giudice ha disposto la decadenza della potestà genitoriale, che hanno approfittato del giorno deputato per le visite programmate, per portarlo via. Il padre, una volta visto il bimbo, lo avrebbe preso e si sarebbe allontanato dal nosocomio.


Del piccolo non si hanno più notizie, sembra che entrambi i genitori residenti vicino a Magenta, abbiano fatto sparire le loro tracce. La direzione sanitaria del Fornaroli ha allertato l'autorità giudiziaria, mentre i carabinieri stanno setacciando il territorio alla ricerca del bambino e dei due genitori.



Nessun commento:

Posta un commento

Bambino di 11 mesi bruciato vivo da un'improvvisa esplosione del termosifone: travolto dal vapore mentre dormiva nella culla

Un  bambino  di soli 11 mesi è morto in seguito a un drammatico incidente mentre si trovava a casa con la mamma e le sorelline gemelle nate ...