giovedì 1 giugno 2023

Enterovirus E-11, 7 neonati morti in Francia. L'allarme Oms: «Rapido deterioramento», per Bassetti è già in Italia


 


L'Organizzazione mondiale della Sanità(Oms) lancia l'allarme. 



Un enterovirus ha già mietuto vittime giovanissime e adesso arriva ilmonito.L'Echovirus-11 (E-11), infatti, ha già ucciso 7 neonati in Francia e a preoccupare è il deterioramento estremamente rapido delle condizioni dichi viene infettato. 



L'Alert dell'Organizzazione mondiale arriva dopo l'aumento di casi di sepsi neonatale con compromissione e paticae insufficienza multiorgano.



L'allarme parte da una segnalazione arrivata della Francia quasi un mese fa: da luglio 2022 ad aprile 2023 il Paese transalpino ha registrato 9 casi in 4 ospedali di 3regioni. Al 5 maggio scorso sono 7 i neonati morti,mentre altri 2 ancora ricoverati.



«L'attuale incremento dell'incidenza e della gravità dell'infezione nei neonati, associata a lignaggio ricombinante di E-11 che in precedenza non era stato rilevato in Francia, è considerato insolito - spiegal'Oms - a causa del deterioramento estremamente rapido e del tasso  di mortalità associato tra i bambini colpiti».



«Sulla base delle limitate informazioni disponibili,l'Oms valuta come basso il rischio di salute pubblica per la popolazionegenerale, nonostante la natura preoccupante dell'aumento riportato». Gli enterovirus sono un gruppo di virus che possono causare varie malattie infettive e sono responsabili di epidemie annuali. La malattia è generalmente lieve, maè stato riscontrato che colpisce i neonati in modo diverso e talvolta più grave rispetto ai bambini più grandi e agli adulti.



L'Oms ha lanciato un 'alert' su un enterovirus'killer' nei neonati in Francia. «Si tratta dell'enterovirus E-11 che dà questo quadro clinico: un deterioramento molto rapido con una grave gastroenterite che poi provoca una insufficienza multiorgano che colpisce anche il fegato.Si deve vigilare attentamente. La Francia è vicino a noi e alcuni casi si verificheranno anche in Italia o si sono già verificati.Va ricercato questo virus nei neonati e nei bambini, vedere se è  presente se ci sono sintomi. Nessun allarme ma molta attenzione anche dal punto di vista dei laboratori che devono essere pronti per cercarlo nelle feci dei bambini».Così all'Adnkronos Salute Matteo Bassetti, direttore Malattie infettive ospedale San Martino di Genova.




Nessun commento:

Posta un commento

Bambino di 11 mesi bruciato vivo da un'improvvisa esplosione del termosifone: travolto dal vapore mentre dormiva nella culla

Un  bambino  di soli 11 mesi è morto in seguito a un drammatico incidente mentre si trovava a casa con la mamma e le sorelline gemelle nate ...