sabato 5 agosto 2023

Kata scomparsa a Firenze, perquisiti i genitori: «Prese memorie dei telefoni»


 


Altra svolta nelle indagini sulla scomparsa a Firenze della piccola Kataleya, detta Kata, la bimba di cui non si hanno notizie dallo scorso 10 giugno. 



Nel giorno in cui è stato arrestato lo zio materno della bambina, insieme ad altri tre uomini - tutti portati in carcere dalla Mobile nelle indagini sul racket degli affitti nell'ex hotel Astor - i carabinieri hanno perquisito anche i genitori della piccola, Miguel Angel Ramon Chicllo Romero e Kathrina Alvarez.



La perquisizione, si apprende da fonti coinvolte nell'inchiesta, è avvenuta nell'ambito dell'esecuzione odierna di una decina di decreti, atti firmati dai pm Christine von Borries e Giuseppe Ledda. Secondo quanto viene ricostruito, gli inquirenti hanno incaricato gli investigatori dell'Arma di un'attività specifica, ossia fare 'copia forense' delle memorie dei loro telefoni cellulari, soprattutto riguardo a attività sui social network, ed è servito un atto di perquisizione.



Questa mattina era stato arrestato lo zio materno di Kata, nelle indagini sul 'racket degli affitti' estorti agli immigrati nell'occupazione abusiva dell'ex hotel Astor di via Maragliano, romeni e peruviani. Argenis Abel Alvarez Vazsquez, detto Dominique, 29 anni, risulta l'ultimo parente ad aver visto la nipote Kata prima del sequestro, secondo le ricostruzioni investigative. La sorella Kathrine Alvarez aveva affidato a lui e alla cognata la bambina durante la sua assenza per andare a lavorare.




Contestualmente agli arresti fatti dalla squadra mobile di Firenze (hanno agito una cinquantina di poliziotti e poliziotte), i carabinieri si sono poi occupati di eseguire una decina decreti di perquisizione a familiari e parenti di Kata, più altre persone. Sono soggetti che non risultano indagati, tuttavia le ispezioni si sono rese necessarie, sono «di interesse - spiega la Dda - per le investigazioni in corso per il sequestro di persona a scopo di estorsione», che è l'ipotesi di reato con cui la procura conduce l'inchiesta per ritrovare Kata.



Come spiega il procuratore antimafia Luca Tescaroli, le iniziative «si collocano nel percorso investigativo che è in atto ed è proiettato ad individuare gli autori dell'ipotizzato sequestro di Mia Kataleya Chiclo Alvarez». Gli arresti odierni, infatti, da soli non riguardano direttamente il rapimento di Kata bensì il contesto di illegalità nell'ex albergo in cui la bimba, come decine di altri minori, viveva.




Il gip Angelo Pezzuti ha firmato un'ordinanza di custodia cautelare in carcere - chiesta dalla Dda - a carico dello zio di Kata e contro i peruviani Carlos Martin De La Colina Palomino, 37 anni, noto a tutti nell'ex Astor solo come 'Carlos' - ritenuto una specie di riferimento dei traffici dentro l'ex hotel -, Nicola Eduardo Lenes Aucacus, 39 anni, e Carlos Manuel Salinas Menac, 63 anni.



I quattro sono accusati a vario titolo di estorsione, di tentativi di estorsione e rapina, di minacce ai danni di altri occupanti lo stabile per episodi documentati tra il novembre 2022 e il maggio 2023. Inoltre per un episodio del 28 maggio 2023, forse il più eclatante tra quelli noti prima della sparizione di Kata, sono a loro rivolte accuse di tentato omicidio e lesioni gravi per il caso dell'occupante ecuadoregno che, temendo di essere ucciso, preferì lasciarsi cadere in strada da una finestra dell'Astor riportando traumi e fratture.



Gli arrestati sono sospettati di aver attivato una spedizione punitiva - insieme a una decina di altre persone da identificare - contro l'ecuadoregno e la sua fidanzata così come contro un'altra coppia che alloggiava nella stanza accanto. Agirono con mazze da bseball e molti erano incappucciati. Anche il gip Pezzuti, così come la procura, conviene che i reati di cui sono accusati i quattro arrestati sarebbero maturati in una illegittima attività di compravendita del 'diritto di occuparè le stanze dell'ex Astor chiedendo agli altri occupanti abusivi una tangente - l'affitto - da 600 a 700 euro.



Le pretese di denaro c'erano pure per chi voleva andare a trovare qualche conoscente all'interno (una specie di tassa di passaggio). Scoperte pure tariffe per lavori di 'manutenzionè da 15 a 50 euro. Tutto illecito. Secondo le indagini c'è anche un episodio in cui Carlos e lo zio di Kata Abel avrebbero estorto 80 euro tirando un pugno in volto a un occupante restìo a dare ancora soldi. Un clima di violenza che si è radicato nei mesi dell'occupazione abusiva - fatta risalire dal settembre 2022 - e che si stava consolidando con vedette sui muri, guardiania agli accessi, controllo interno. Lo sgombero attuato tra il 17 e il 18 giugno ha disperso gli occupanti in strutture dei servizi sociali a Firenze, luoghi dove i quattro arrestati sono stati raggiunti all'alba per essere portati in questura e poi in carcere.

Nessun commento:

Posta un commento

Bambino di 11 mesi bruciato vivo da un'improvvisa esplosione del termosifone: travolto dal vapore mentre dormiva nella culla

Un  bambino  di soli 11 mesi è morto in seguito a un drammatico incidente mentre si trovava a casa con la mamma e le sorelline gemelle nate ...