giovedì 30 novembre 2023

Vincenza uccisa dal marito ad Andria, era stata presa a schiaffi la settimana prima


 


Si svolgerà sabato l'autopsia sul cadavere di Vincenza Angrisano, 42 anni, uccisa l'altro ieri pomeriggio nella abitazione della coppia nei pressi di Andria dal marito, Luigi Leonetti, 51 anni. In casa erano presenti i due figli minorenni di 6 e 12 anni che potrebbero aver assistito al delitto. 



Oggi nel carcere di Trani si è svolto l'interrogatorio di garanzia durante il quale, davanti alla gip del Tribunale di Trani Lucia Anna Altamura, l'uomo ha confermato le ammissioni fatte la sera del fermo di indiziato di delitto.



E' accusato di omicidio volontario, con l'aggravante di aver commesso il fatto ai danni della coniuge. A scatenare la sua furia omicida (l'ha assassinata utilizzando un coltello da cucina e sferrando tre fendenti al torace e all'addome) sarebbe stata la volontà della donna di lasciarlo. Secondo quanto raccontato già ieri dall'avvocato difensore di Leonetti la donna avrebbe riferito al marito di avere un'altra relazione e inoltre negli ultimi tempi sarebbero volati insulti reciproci.

 


I rapporti di coppia si sarebbero incrinati un mese fa. Nella notte tra il 21 e il 22 novembre l'uomo ha schiaffeggiato la moglie poiché sarebbe tornata tardi a casa costringendola a recarsi in ospedale e a farsi medicare. Lì avrebbe ricevuto una prognosi di 4 giorni. L'incarico dell'autopsia è stato affidato a Francesco Vinci dell'Istituto di Medicina Legale del Policlinico di Bari. E' attesa anche la decisione del gip sulla convalida del fermo e sull'emissione della misura cautelare.

Nessun commento:

Posta un commento

Bambino di 11 mesi bruciato vivo da un'improvvisa esplosione del termosifone: travolto dal vapore mentre dormiva nella culla

Un  bambino  di soli 11 mesi è morto in seguito a un drammatico incidente mentre si trovava a casa con la mamma e le sorelline gemelle nate ...