mercoledì 23 ottobre 2019

CHI NON HA FIGLI NON DOVREBBE GIUDICARE UN GENITORE


SE NON AVETE FIGLI E/O NON AVETE MAI DOVUTO CRESCERE DEI BAMBINI, NON SIETE NELLA POSIZIONE DI GIUDICARE CHI È GENITORE.


Ecco una nuova regola:
Se non avete figli e/o non avete mai dovuto crescere dei bambini, non siete nella posizione di giudicare chi è genitore.
Mi capita molto spesso di leggere post di persone che non hanno figli a commento di post di genitori e generalmente la frase che viene detta più spesso è  “quando i bambini si comportano in modo irrispettoso è quasi sempre colpa dei genitori”. Non dico che questo non sia vero, anzi sono la prima a sostenere che il comportamento dei nostri figli sia la conseguenza del nostro comportamento, ma sono anche sempre più convinta che i nostri figli sviluppino molto presto una loro personalità che esula dal modo di essere genitori.
Forse non si dovrebbe giudicare un genitore solo da un episodio e chi è genitore sa benissimo quante volte le situazioni, nonostante tutto il nostro impegno, possano sfuggirci di mano.



CHIUNQUE VOGLIA GIUDICARE UNA PERSONA DI ESSERE UN CATTIVO GENITORE DOPO AVER ASSISTITO A UN UNICO EPISODIO, NON HA CHIARAMENTE MAI AVUTO A CHE FARE CON UN BAMBINO.

Educare i propri figli è uno sforzo continuo
Sì, in questo mondo ci sono genitori assolutamente terribili. Tuttavia, credo fermamente che il 95% di noi stia provando a fare del proprio meglio per educare i bambini a diventare persone amorevoli e socialmente integrate.
La maggior parte delle persone che non hanno figli non riescono a capire quanto sia difficile educare un bambino, il che rende molto più fastidioso ricevere critiche da coloro che non hanno figli.
Queste persone generalmente nel loro giudizio si riferiscono un episodio, ma non vedono le altre 23 ore e 55 minuti del giorno che comportano lo svegliarsi, fare la colazione, pranzare, uscire di casa, portarli a scuola, andare a lavorare (o rimanere a casa con altri bambini e occuparsi della casa), fare attività extra-scolastiche, tornare a casa e fare i compiti, cenare e poi farli dormire.
La persona senza figli giudicante non vede il genitore che sta cercando di guidare i propri figli nella giusta direzione. Il genitore che piange nella doccia perché il suo bambino è forte e non gestibile. Il genitore che sta facendo tutti gli sforzi possibili gestire la rabbia di suo figlio o la iperattività.


Non vedono tutti gli sforzi che i genitori fanno dietro le porte chiuse.

COSÌ ALLA PERSONA GIUDICANTE SENZA FIGLI DICIAMO:

Noi insegniamo ai nostri bambini come comportarsi nei ristoranti, ma a volte finiscono per urlare e gettare patatine fritte sul pavimento.
Noi insegniamo ai nostri bambini l’importanza di condividere e di essere un buon amico, ma occasionalmente faranno piangere un altro bambino quando non vogliono condividere un loro giocattolo o dei biscotti.
Ricordiamo ai nostri bambini di rispettare le altre persone sui mezzi di trasporto, ma a volte il viaggio è veramente molto lungo e e può succedere che inizino a piangere piangere istericamente.
Ci assicuriamo che sappiano quando sia importante stare tranquilli in luoghi come la biblioteca, ma a volte lo dimenticheranno e parleranno ad alta voce o rideranno.

Nessun commento:

Posta un commento

Tragedia familiare: madre uccide a martellate la figlia di 3 anni dopo aver preso un cocktail di antidepressivi

  Uccide a   martellate la figlia di tre anni , dopo aver ingerito diversi  antidepressivi , e poi tenta il suicidio . Una giovane mamma si ...