giovedì 5 dicembre 2019

SE IL NASCITURO E' MASCHIO LA GRAVIDANZA E IL PARTO SARANNO PIU' DIFFICILI


Un genitore ama a prescindere da sesso il proprio bambino, maschio o femmina
che sia. Si amano allo stesso modo, della stessa intensità. 


La differenza di genere comincia a far sentire i suoi effetti già durante la gestazione, determinandone l’andamento e la conclusione. In definitiva, non parliamo dell’antica credenza secondo cui a pancia tonda corrisponde fiocco rosa e a pancia appuntita azzurro. La questione, cioè, non riguarda la forma ma la sostanza. Secondo un nuovo studio australiano, infatti, il maschietto renderebbe gravidanza e parto più complicati.

La ricerca su vasta scala, condotta dall’università di Adelaide con il supporto dell’ateneo di Groningen in Olanda, ha preso in esame più di 514mila nascite in un arco di tempo che va dal 1981 al 2011 e ha appurato che il sesso del nascituro ha ripercussioni sulla gravidanza e il parto, rendendoli più difficili.
Secondo il team di ricercatori, la nascita di un maschietto è associata a maggiori probabilità di parti pretermine e disturbi in gravidanza come pressione alta e diabete gestazionale


In particolare, il rischio di nascita prematura è più elevato del 27% tra le 20 e 24 settimane di gestazione, del 24% tra le 30 e le 33 settimane e del 17% tra le 34 3 le 36. Le madri hanno il 4% in più di possibilità di soffrire di diabete gestazionale e il 7% in più di possibilità di soffrire di gestosi. In caso di femminucce, al contrario, aumenta del 22% il rischio di insorgenza precoce della gestosi stessa.
Anche la mamma, in qualche modo, contribuisce a determinare il sesso del piccolo. Secondo il dr. Ravi Retnakaran, endocrinologo dell’ospedale di Toronto, la pressione materna influenza il sesso del nascituro. In che modo?

La pressione sanguigna di una donna prima della gravidanza è un fattore precedentemente non riconosciuto, associato alla sua probabilità di avere un maschio o una femmina. Questa nuova comprensione può avere implicazioni sia per la pianificazione riproduttiva sia per la comprensione dei meccanismi fondamentali che sottendono il rapporto sessuale negli esseri umani
ha spiegato l’esperto.
È possibile, per ogni mamma, capire se il bebé è maschio o femmina con alcune vecchie tradizioni già adottate in passato dalle nostre nonne. Dalla luna al bicarbonato, fino al gioco della pasta, divertitevi ed ingannate l’ansia dell’attesa con divertenti test fai da te!


Nessun commento:

Posta un commento

Bambina di 12 anni stuprata durante il lockdown da tre uomini: erano ospiti della sua famiglia nella loro casa a Fondi

  Una  ragazza di 12 anni  è stata  violentata  ripetutamente da  tre uomini  durante il  lockdown . I tre, tutti di nazionalità indiana cos...