mercoledì 5 agosto 2020

Adolescente diventa la prima modella con sindrome di Down a posare per Gucci



Un’adolescente comparsa nella rivista Vogue è diventata la prima modella con sindrome di
Down a posare per Gucci, hanno rivelato le notizie.



Ellie Goldstein ha raggiunto tantissimi follower del brand Gucci su Instagram, raggiungendo circa 800.000 mi piace.


La diciottenne è la modella di Gucci per la sua campagna del mascara “L’Obscur” ed è la prima modella con sindrome di Down a posare per il brand.


Secondo Metro, Ellie ha firmato con Zebedee Management, un’agenzia che rappresenta persone disabili, nel 2017. Da allora ha sempre continuato a crescere ed è stata scelta per tantissimi lavori.

La famiglia di Ellie, dell’Essex, in Regno Unito, è felice che sua figlia riceva delle opportunità fantastiche. Yvonne, la mamma della ragazza, ha detto: “Siamo tutti incredibilmente orgogliosi di Ellie e tutti i meravigliosi commenti che ha ricevuto sull’Instagram di Gucci.


Le è sempre piaciuto essere sotto i riflettori e davanti alla macchina fotografica, lei è molto sicura di sé e brava a prendere qualsiasi direzione.”



Nel frattempo, Ellie ha detto: “Mi è piaciuto davvero tanto mettermi in posa e indossare l’abito di Gucci. Sono molto orgogliosa del servizio fotografico e mi piacerebbe diventare famosa. Non vedo l’ora di fare la modella per altri brand.”


La ragazza negli ultimi due anni ha partecipato anche a campagne di Superdrug e Nike. Zebedee Management ha rivelato che soltanto lo 0,06% delle persone che compaiono nelle pubblicità è disabile e questi dati sono scesi a soltanto 0,01-0,02% per quanto riguarda i settori moda e bellezza.






Laura Johnson, di Zebedee, ha detto: “Si tratta soltanto di 1 o 2 modelle su 10.000! I brand non possono più dire che ‘il pubblico non vuole vedere’ modelle disabili, perché questo post su Instagram dimostra il contrario!”

Nessun commento:

Posta un commento

L'allarme dell'OMS sugli sciroppi per la tosse dopo la morte di 66 bambini. Cosa succede?

Scatta l' allarme  dell'Organizzazione mondiale della Sanità. Dopo la morte di ben 66 bambini in Gambia, l'Oms ha aperto un'...