mercoledì 25 novembre 2020

Mamma single accoglie bambina abbandonata, non sa che è sorella biologica del figlio adottivo


 


Quando il matrimonio di Katie Page è finito, lei aveva poco più di 30 anni, e ha deciso che avrebbe preso la vita per le corna e avrebbe trovato una nuova strada.


Parte di questo era trasferirsi in Colorado e cambiare la propria carriera lavorativa. È stato allora che ha deciso anche di fare qualcosa di davvero onorevole: prendere un bambino in affidamento.


Secondo il suo stesso blog, in passato Katie ha avuto problemi di fertilità e aveva sempre pensato all’idea di adottare.Katie l’ha preso come un segno e ha deciso di fare il grande passo. Ha prima preso il bambino in affidamento – e lo ha chiamato Grayson – per quasi 12 mesi, dopodiché il tribunale ha interrotto i diritti dei genitori biologici. Ciò ha fatto sì che Katie potesse ottenere la custodia completa del bambino e procedesse ad adottarlo legalmente 11 mesi dopo la sua nascita.


Tutto questo procedimento ha confermato a Katie che lei ama davvero fare la mamma, perciò ha deciso di voler adottare ancora. Il suo piano era aspettare un paio di anni così che Grayson potesse essere sistemato nella loro vita insieme.



Invece, il fato ha voluto che un altro assistente sociale la chiamasse soltanto un mese dopo che Katie aveva adottato suo figlio. Una bambina appena nata era stata abbandonata nello stesso ospedale… e aveva bisogno di una sistemazione.“So che nei 10 minuti seguenti e in tutte le telefonate fatte quel pomeriggio, continuava ad uscirmi di bocca la frase: ‘So che sono pazza, ma Dio mi sta dicendo di dire sì’,” ha raccontato.


Solo poche ore dopo, la bambina – che si chiama Hannah – è stata portata a casa di Katie. Katie ha guardato il braccialetto dell’ospedale e ha capito qualcosa di stupefacente: il nome della mamma biologica era lo stesso di quella di Grayson.


La donna ha quindi deciso di indagare su quella coincidenza per scoprire se la mamma biologica fosse effettivamente la stessa.Al tempo, Katie ha scritto sul suo blog: “Grayson è per metà afroamericano e ha la pelle scura e dei bellissimi capelli ricci e scuri. La bambina ha la pelle più chiara e i capelli lisci e biondi.”


Dopo aver rintracciato la mamma biologica di Hannah, Katie è riuscita a collegare tutto. Il test del DNA ha confermato che Grayson e Hannah sono fratelli biologici per quanto riguarda la mamma (papà diversi).


“E se la bambina fosse finita in un’altra famiglia?” ha scritto Katie. “Non avremmo mai trovato la loro mamma. Non avremmo mai fatto il collegamento!


Non riesco a credere al miracolo appena avvenuto!” Nel dicembre 2018, Katie ha adottato legalmente anche Hannah. “Quel giorno quando ho detto sì all’accogliere la bambina, ho sentito la sensazione più strana del mondo,” ha raccontato. “Fino a quel momento non credo avessi sentito una vera e innegabile chiamata da parte di Dio.


Il mio cervello mi diceva di dire no perché non aveva senso e non era nei miei piani, ma qualcosa dentro di me continuava a dirmi che dovevo dire sì. È un miracolo, una cosa che succede una sola volta nella vita… chiamatelo come volete, ma è meraviglioso che i miei bambini si siano trovati.”

Nessun commento:

Posta un commento

Covid, la mamma è intubata: i medici fanno nascere il bimbo sano e salvo

  All'ospedale di Cona di Ferrara è nato un bimbo da una paziente  con Covid-19 di 35 anni intubata in terapia intensiva da circa un mese.