venerdì 14 maggio 2021

Massacra a coltellate il figlio di 10 mesi e ferisce la figlia di 8 anni




 Quanto accaduto lunedì sera in Virginia, negli Stati Uniti, è puro orrore. 



Una donna di 35 anni, Sarah Whitney Ganoe, ha ferita gravemente con 50 coltellate la figlia di 8 anni, dopo aver sventrato il figlioletto di 10 mesi. Tutto questo è avvenuto verso le 21.30 ora locale. Il vicino della donna, Clay Connell, giornalista di Newport News, ha riferito che la donna era appassionata di stregoneria.



La polizia è stata avvertita dal fidanzato della donna, John Howard, che aveva ricevuto un messaggio da parte della Ganoe dove scriveva: “Non essere triste, ma la casa sarà insanguinata quando torni a casa“. Una volta arrivato a casa John Howard si è trovato davanti agli occhi uno spettacolo raccapricciante.




Le camere da letto erano completamente coperte di sangue, mentre Sarah Ganoe si trovava sdraiata sul letto con i due figli. La donna riportava delle lievi ferite da taglio sulle braccia, ma non era in condizioni da destare preoccupazioni. Gravissime invece le condizioni della figlia di 8 anni, che è stata portata immediatamente in ospedale con 50 coltellate sul corpo. Il bambino di 10 mesi è stato dichiarato morto sul posto.




A quanto sembra non è la prima volta che la polizia giunge sul posto per delle liti tra le donna e il fidanzato. Ora Sarah Ganoe è stata arrestata con l’accusa di omicidio di secondo gradoabuso aggravato e negligenza sui minori.




Il comandante della polizia locale ha dichiarato: “Gli agenti che sono entrati nella casa si ricorderanno le cose che hanno visto per il resto della loro vita. Entrambe i bambini sono stati accoltellati diverse volte su tutto il corpo. Non si tratta di corpi di adulti. Ma di bambini di 8 e 10 mesi, capite?“. A quanto sembra gli stessi agenti della polizia sono davvero sconvolti da questo terribile crimine.

Nessun commento:

Posta un commento

«Piangeva troppo». Bambina di 11 mesi uccisa con l'acido dalla maestra dell'asilo in Francia. Era figlia di un italiano

  «Piangeva troppo». Per questo motivo un'insegnante di 27 anni ha ucciso una bimba di 11 mesi in un asilo nido di Lione in Francia.