domenica 2 maggio 2021

Partorisce con infarto in corso al Policlinico di Bari: mamma e figlia stanno bene e ora sono a casa


 


Colpita da un infarto nell'ultima settimana prima del parto, è arrivata da Monopoli al Pronto soccorso del Policlinico di Bari dove i medici hanno deciso di far nascere la piccola con un parto cesareo e di trattare solo in un secondo momento la mamma: adesso stanno entrambe bene. 



"La procedura normale - spiega il direttore di cardiologia ospedaliera, Carlo D'Agostino - avrebbe richiesto l'esecuzione di una immediata angioplastica coronarica con il posizionamento di stent e l'utilizzo di alte dosi di farmaci antiaggreganti piastrinici. Ma per la signora, con una gravidanza quasi a termine, una terapia antiaggregante spinta avrebbe costituito un grave rischio di emorragia nel corso del parto".




La giovane mamma aveva una ostruzione di una delle arterie coronarie, dovuto a dissezione della parete. Una "condizione estremamente rara che può verificarsi in corso di gravidanza, specie in presenza di altre patologie". In circa 15 minuti si è riunito un team multidisciplinare per condividere il percorso più opportuno. Il parto non è stato effettuato nelle abituali sale operatorie ma nella sala del laboratorio di emodinamica del reparto cardiologico, con gli emodinamisti della cardiologia ospedaliera e i cardiochirurghi pronti ad intervenire in qualsiasi fase del parto.




Colpita da un infarto nell'ultima settimana prima del parto, è arrivata da Monopoli al Pronto soccorso del Policlinico di Bari dove i medici hanno deciso di far nascere la piccola con un parto cesareo e di trattare solo in un secondo momento la mamma: adesso stanno entrambe bene.



La mamma è stata trattata e sorvegliata cardiologicamente nei minuti e nei giorni successivi al parto nell'unità di terapia intensiva cardiologica ospedaliera (Utic) del Policlinico, la sua bambina è stata ricoverata in neonatologia. Dopo pochi giorni sono potute rientrare felicemente a casa.

"La procedura normale - spiega il direttore di cardiologia ospedaliera, Carlo D'Agostino - avrebbe richiesto l'esecuzione di una immediata angioplastica coronarica con il posizionamento di stent e l'utilizzo di alte dosi di farmaci antiaggreganti piastrinici. Ma per la signora, con una gravidanza quasi a termine, una terapia antiaggregante spinta avrebbe costituito un grave rischio di emorragia nel corso del parto".



La giovane mamma aveva una ostruzione di una delle arterie coronarie, dovuto a dissezione della parete. Una "condizione estremamente rara che può verificarsi in corso di gravidanza, specie in presenza di altre patologie". In circa 15 minuti si è riunito un team multidisciplinare per condividere il percorso più opportuno. Il parto non è stato effettuato nelle abituali sale operatorie ma nella sala del laboratorio di emodinamica del reparto cardiologico, con gli emodinamisti della cardiologia ospedaliera e i cardiochirurghi pronti ad intervenire in qualsiasi fase del parto.

Nessun commento:

Posta un commento

Denise Pipitone, spunta una foto di una rom che contattò Polizzi. Il legale di Piera Maggio: «Somiglianza notevole»

  Mattino Cinque  torna sul caso di  Denise Pipitone,  la bambina scomparsa nel 2004 da Mazara del Vallo.