martedì 10 agosto 2021

Mal di testa nei bambini: cause, sintomi e trattamento


 


Il mal di testa è una malattia invalidante e abbastanza difficile da diagnosticare nei bambini piccoli. Per questi motivi è fondamentale imparare a riconoscerne i segni.




L’emicrania infantile è un tipo specifico di mal di testa che colpisce i bambini. Attualmente è noto che si verifica con un’alta frequenza e raggiunge il 40% in alcuni sottogruppi di questa popolazione. Oltre a questo, è una delle principali cause di assenteismo scolastico e un grande fattore che determina la qualità della vita del bambino.


Sebbene esistano molti trattamenti, la maggior parte degli studi che ne dimostrano l’efficacia e la sicurezza sono condotti nella popolazione adulta. Per questo motivo, una delle principali strategie nei bambini sono le misure non farmacologiche.


Per tutto questo, è molto importante che i genitori imparino  cos’è l’emicrania infantile e come aiutare i loro figli quando ne soffrono. In questo articolo lo spiegheremo nel dettaglio.



Non tutte le cefalee sono emicranie, sebbene questa rappresenti una delle cause più comuni di cefalee primarie pediatriche. Cioè, quei mal di testa che non si verificano nel contesto di altri problemi di salute, come emorragie o tumori cerebrali.


All’interno della popolazione pediatrica ci sono diversi sottogruppi classificati per età. È importante sapere che le manifestazioni della stessa malattia di solito cambiano man mano che il bambino cresce.


Infatti, l’emicrania nei bambini al di sotto dei 7 anni presenta alcune peculiarità che rendono difficile giungere a una diagnosi accurata.



I sintomi tipici dell’emicrania infantile sono:

  • Cefalea da moderata a grave, di tipo pulsante, di solito a livello della fronte e su uno o entrambi i lati. Peggiora con il movimento o lo sforzo.
  • Nausea e vomito (soprattutto nei bambini piccoli).
  • Dolore addominale (in più del 50% di quelli sotto i 7 anni).
  • Disagio causato dalla luce (fotofobia) o dai suoni (fonofobia). Ciò si verifica frequentemente nei bambini più grandi e negli adolescenti.

Una caratteristica dell’emicrania infantile è che la durata dell’episodio può variare da meno di 1 ora (nei bambini sotto i 7 anni) a 2 ore (nei bambini più grandi). Negli adolescenti e negli adulti può durare ancora più a lungo.

Molte volte, prima dell’inizio del mal di testa, i bambini possono manifestare sintomi premonitori che chiamiamo aura. Questi compaiono tra 5 e 60 minuti prima del dolore e possono essere vari, ad esempio osservando lampi di luce o difficoltà nel parlare.



Come la maggior parte delle malattie, l’emicrania infantile è di origine multifattoriale. Ci sono fattori ereditari e fattori legati all’ambiente che ci circonda. La combinazione di entrambi fa in modo che si manifesti il quadro e che si verifichi più volte all’anno o addirittura al mese.



Quando un bambino nasce da genitori che soffrono di emicrania, la probabilità di sviluppare questa malattia varia tra il 75 e il 90%. Questo si verifica quando entrambi i genitori soffrono di questa malattia.


A sua volta, il fatto che i genitori abbiano manifestato sintomi fin dalla tenera età aumenta le possibilità che il bambino sviluppi un’emicrania infantile. Anche che questo inizi qualche anno prima di quello dei suoi genitori.


I geni esatti coinvolti nell’emicrania non sono ancora noti, ma per alcuni sottotipi della malattia sì, come l’emicrania emiplegica.




Nonostante la predisposizione familiare, gli episodi di emicrania sono solitamente innescati dal verificarsi di alcuni fattori ben noti. Di seguito citeremo i più rilevanti:

  • Abitudini alimentari inadeguate.
  • Assunzione di determinati alimenti, come cioccolato, cibi piccanti, alcuni formaggi e determinati coloranti o aromi.
  • Riposo inadeguato.
  • Fatica.
  • Cambiamenti ormonali, come la pubertà o l’uso di contraccettivi orali.


Il mal di testa nei bambini può essere di vario tipo. Sebbene l’emicrania sia una causa molto comune, è importante definire ed escludere altre patologie che richiedono un trattamento diverso.

Per questo, è importante consultare il pediatra di famiglia. Oltre a condurre un’anamnesi dettagliata e un esame fisico, richiederà un “diario del mal di testa”. Con esso è possibile determinare le caratteristiche del dolore e guidare le diverse strategie diagnostiche.




  • Localizzazione del dolore.
  • Intensità.
  • Durata.
  • Frequenza.
  • Caratteristiche.
  • Ulteriori sintomi (come vomito o ronzio nelle orecchie).
  • Zona trigger.
  • Cosa lo rende migliore e cosa lo peggiora.

A volte sarà sufficiente la valutazione clinica per chiudere la diagnosi, ma altre volte sarà necessario eseguire dei test complementari.




Il supporto professionale nella gestione dell’emicrania infantile è essenziale, soprattutto per offrire la necessaria consulenza alla famiglia.


È importante che il medico offra opzioni sicure ed efficaci per i bambini, poiché molti farmaci sul mercato sono stati studiati solo negli adulti.




Lo scenario ideale è iniziare il trattamento dei sintomi dall’inizio, quando il mal di testa è lieve o non è iniziato.


Per cominciare, si consiglia di offrire al bambino un antidolorifico da usare a casa, come il paracetamolo o l’ibuprofene. Nei bambini più grandi e negli adolescenti possono essere utilizzate altre opzioni come naprossene in combinazione con sumatriptan, ma quest’ultimo deve essere utilizzato solo su prescrizione medica.



In un recente articolo sulla rivista Pediatrics (2021), è stata valutata l’efficacia di metodi di trattamento alternativi per l’emicrania infantile. Tra questi, tecniche di rilassamento, biofeedback, psicoterapia cognitivo comportamentale e terapia autosomministrata.



Mentre molti studi clinici mostrano cambiamenti positivi nella gestione del mal di testa, ci sono importanti differenze tra gli utenti. In altre parole, non tutti i bambini che li ricevono ne beneficiano allo stesso modo. Per questo motivo è importante attuare un approccio individualizzato al paziente.



Quando l’emicrania infantile limita sostanzialmente le attività del bambino, possono essere scelti farmaci speciali. Questa strategia sarà valutata dal medico di famiglia o dallo specialista.


Nonostante quanto si pensi, l’emicrania infantile è un problema di salute frequente e capace di condizionare la qualità della vita dei bambini.


Sebbene ci siano molte strategie di trattamento, le risposte a ciascuna di esse possono variare da bambino a bambino. Ciò evidenzia l’importanza del sostegno familiare e dell’offerta di una soluzione individualizzata.


Sebbene i farmaci antidolorifici siano utili, è possibile che, se combinati con altri trattamenti non farmacologici, possano ottenere risultati migliori. E mentre ci sono altri prodotti sul mercato sviluppati con ingredienti naturali, gli studi sul loro uso nei bambini sono ancora inconcludenti.


Nessun commento:

Posta un commento

Quando inizia la produzione di colostro durante la gravidanza?

Se anche voi avete avuto un bambino in passato, saprete benissimo   cosa sia il colostro . Se invece vi trovate a far fronte alla vostra pri...