lunedì 25 luglio 2022

Ameba gli provoca mal di testa e allucinazioni, e il 13enne rischia la vita: «Ha il 30% di possibilità di sopravvivere»


 


Un ragazzo di 13 anni lotta tra la vita e la morte dopo aver contratto una infezione molto grave dovuta al Naegleria fowleri, nota per lo più con il nome di "ameba mangia-cervello". 



Caleb, di Port Charlotte (Florida, USA), è ricoverato da giorni Golisano's Children's Hospital, per meningoencefalite amebica primaria fulminante, una malattia che uccide nel 75% dei casi.




Il ragazzo ha iniziato a stare male i primi di luglio quando ha lamentato forti mal di testa e allucinazioni. Dopo essere stato portato in ospedale è arrivata la diagnosi e il ricovero d'urgenza. L'ameba, secondo i dottori, sarebbe arrivata al cervello dal naso, probabilmente dopo un contatto con acqua infetta, visto che l'essere vivente ha il suo habitat nelle acque stagnanti. 



L’ameba mangia-cervello è chiamata così non a caso, bensì per gli effetti devastanti che ha sul cervello umano, dove è in grado di scatenare un’infezione potente che colpisce il sistema nervoso centrale fino alla morte. Le condizioni di Caleb, putroppo, peggiorano di giorno in giorno e la famiglia ha avviato una raccolta fondi per far fronte alle spese mediche.

Nessun commento:

Posta un commento

Mamma scuote con violenza il figlio neonato, provocandone la morte: condannata a 7 anni. «Ha agito per stanchezza»

  Avrebbe ucciso suo figlio, neonato di appena un mese, con una tale violenza da procurargli traumi fatali alla sua sopravvivenza.