sabato 10 settembre 2022

Bambino di 3 mesi smette di respirare durante il volo, un'infermiera tra i passeggeri lo salva con un massaggio toracico


 


Un'infermiera ha salvato la vita di un bambino di tre mesi, che aveva smesso di respirare in aereo, durante il volo. 



Tamara Panzino, sanitaria con 20 anni di esperienza, si è qualificata quando è stata richiesto l'aiuto di un medico ed è riuscita a salvare la vita del neonato.



Il volo della Spirit Airlines diretto a Orlando è atterrato giovedì notte tra l'applauso dei passeggeri. Non per il pilota, che pure ha fatto il suo lavoro, ma per l'infermiera che poco prima aveva evitato una tragedia. «Quando devi farti avanti e fare ciò che è giusto, lo fai. È una storia a lieto fine e mi ha fatto sentire davvero bene», ha raccontato l'infermiera a Fox News. Il video, registrato da un giornalista presente a bordo, mostra i genitori sorridenti e il bambino di nuovo in forze.




L'emergenza c'è stata circa 30 minuti dopo il decollo. Tamara Panzino è intervenuta con un massaggio toracico e alcune manovre alle gambe del bambino, che sono servite a liberare le vie respiratorie, così in pochi secondi il neonato è tornato a respirare. «Non era mai successo prima, eravamo terrorizzati», hanno raccontato i genitori del bambino. La compagnia aerea ha fatto sapere che sta indagando sull'accaduto: «Stiamo attualmente raccogliendo informazioni per saperne di più. Ringraziamo il nostro equipaggio e i passeggeri per la pronta risposta. I nostri assistenti di volo sono addestrati per rispondere alle emergenze mediche a bordo e utilizzano diverse risorse , inclusa la comunicazione a terra con i nostri professionisti medici di guardia designati, l'utilizzo di kit medici a bordo e la ricezione di assistenza da professionisti medici accreditati che viaggiano sul volo», si legge nel comunicato.

Nessun commento:

Posta un commento

Bimbi dell'asilo nido maltrattati, indagate 5 maestre e la titolare: «Li sbattevano per terra per costringerli a stare seduti»

Bambini  sbattuti per terra, strattonati per i fianchi, lasciati piangere chiusi in una stanza o anche messi a dormire in bagno.