sabato 7 gennaio 2023

La piccola Emmy non smette di ridere – giorni dopo le sue risate risultano essere un segnale d’allarme




Vedere la luce negli occhi di tuo figlio per la prima volta è un momento significativo.

Dopotutto, è la prima volta in assoluto che vedi un’immagine a metà di te stesso in molti modi.

Quando è nata la figlia di Vanessa, Emmy, è praticamente uscita dal grembo materno con un grande sorriso sul viso.

Ma quando sua madre ha notato come le dita della sua bambina tendessero ad arricciarsi verso l’interno, ha subito sospettato che qualcosa non andasse.


Un sorriso su un bambino è una cosa meravigliosa.

Basta un semplice sguardo a un sorriso sfacciato a trentadue denti di un bambino e può trasformare il peggiore dei giorni in uno vivibile.

Vanessa aveva già avuto tre gravidanze quando aspettava Emmy.

Ogni gravidanza ha avuto le sue difficoltà, ma Vanessa sapeva più o meno cosa aspettarsi. Quando Emmy è arrivata, tuttavia, aveva una certa unicità in lei.


La bambina sembrava avere un sorriso permanente inciso sul viso. Vanessa è stata travolta dalla pura felicità di sua figlia subito dopo la nascita.

È emerso, tuttavia, che il sorriso era un segnale d’allarme .


Il tempo è passato dalla nascita ma il sorriso di Emmy non è mai scomparso. Vanessa voleva credere che sua figlia fosse semplicemente felicissima tutto il tempo, ma quando ha notato che le dita della piccola sembravano sempre piegate verso l’interno, ha sospettato che qualcosa non andasse.


Ha contattato i medici, che si sono limitati a dire che lei stava “cercando cose “.

Nonostante ciò, la sensazione viscerale di Vanessa è rimasta in lei. Ha fatto delle ricerche lei stessa e ha scoperto che se le dita di un bambino sono costantemente inclinate verso l’interno, può essere un segno di diverse sindromi.

Va da uno specialista

Emmy è stata rimandata a casa dall’ospedale con un certificato di buona salute, anche se Vanessa era determinata a ottenere una seconda opinione.


Ha contattato uno specialista che ha accettato di esaminare Emmy e, soprendentemente, alla bambina è stata diagnosticata una malattia chiamata sindrome di Williams.


Come riporta il sito Willams-syndrome.org: La sindrome di Williams (WS) è una condizione genetica presente alla nascita e può colpire chiunque. È caratterizzata da problemi medici, tra cui malattie cardiovascolari, ritardi nello sviluppo e difficoltà di apprendimento. Questi spesso si verificano parallelamente a sorprendenti capacità verbali, personalità altamente sociali e un’affinità per la musica.

Emmy ha subito diversi interventi al cuore. Mamma Vanessa dice che sta bene.

“I giorni speciali che ho con Emmy non sono i giorni ‘grandi’ come i viaggi a Disney World, è rannicchiarsi sul divano in una giornata piovosa”, ha scritto, secondo il Mirror.

Vanessa ha anche detto che molti confondono il sorriso di Emmy con il fatto che sia sempre felice, anche se sua madre vuole sottolineare che la sua bambina è una bambina come tutti gli altri; suscettibile al cambiamento di stati d’animo ed emozioni.


“Mi piacerebbe che Emmy potesse guidare una macchina, andare al college e sposarsi (se lo desidera)”, ha detto.


“Avere una professione di cui è orgogliosa e vorrei che si sentisse apprezzata al lavoro. Mi piacerebbe che avesse un paio di amicizie buone, solide, significative. Soprattutto, vorrei che lei avesse una felicità senza fine.


Grazie a Dio Vanessa si è fidata del suo istinto quando i dottori hanno respinto le sue paure all’inizio. Una madre capisce le cose meglio, la maggior parte del tempo.

Nessun commento:

Posta un commento

Violentata a 9 anni dall'amico di famiglia, genitori condannati: «Non vedranno più la figlia»

  Sapevano che la loro figlia veniva violentata sessualmente da un amico di famiglia, ma per lunghissimo tempo avrebbero fatto finta di nulla.