sabato 6 maggio 2023

Milano, papà prende il figlio neonato malato (tossicodipendente) dall'ospedale e fugge: rintracciato





Il papà prende il figlio neonato di 2 mesi malato (tossicodipendente) dall'ospedale e fugge, ma la loro fuga dura solo poche ore: rintracciati e il genitore è stato arrestato.

È finita la fuga di un padre 39enne egiziano tossicodipendente con il figlioletto (affidato ai servizi sociali) prelevato furtivamente mercoledì all'ospedale di Magenta, in provincia di Milano, dove si trovava ricoverato dalla nascita per problemi cardiaci.

L'uomo è stato rintracciato ieri a Milano ed è stato bloccato dalla Polizia che lo ha consegnato alla Polizia locale di Abbiategrasso che procede sul caso. Entrambi i genitori sono tossicodipendenti e anche il piccolo lo è dalla nascita. A darne notizia è oggi il quotidiano Il Giorno.


Un neonato era ricoverato da due mesi in ospedale, al Fornaroli di Magenta, provincia di Milano, perché con problemi di salute. Più che problemi, in realtà il bimbo, era positivo a cocaina ed oppiacei, perché nato da una coppia di tossicodipendenti. I servizi social, allora, sono intervenuti e lo avrebbero tolto alla famiglia di origine.


Considerate le condizioni problematiche dei due genitori, il giudice ha disposto la decadenza della potestà genitoriale, che hanno approfittato del giorno deputato per le visite programmate, per portarlo via. Il padre, una volta visto il bimbo, lo avrebbe preso e si sarebbe allontanato dal nosocomio.


Temendo per il piccolo, mercoledì l'ospedale ha avvisato i servizi sociali, che hanno chiamato la Polizia locale, i carabinieri e la Procura per i minorenni.


Il padre e la madre (una 35enne originaria della zona), a cui non è stata revocata la patria potestà anche se il figlio era in affidamento ai servizi sociali, avevano la possibilità di fargli visita una volta al giorno.


Secondo quanto riferito dai carabinieri i due conducono una vita di espedienti, fatta di piccoli furti, vivendo in appartamenti occupati, e non hanno una dimora fissa anche se gravitano ad Abbiategrasso (Milano).


Non si conoscono ancora i motivi del gesto ma data la tossicodipendenza conclamata, si temeva per il piccolo. Il papà è stato segnalato a Milano, mentre scendeva da un treno alla stazione San Cristoforo. È stato intercettato con ancora il piccolo in braccio ed è stato bloccato dagli agenti di una volante, che poi lo hanno consegnato in stato di arresto alla Polizia locale di Abbiategrasso che formalmente procede sul caso.

Nessun commento:

Posta un commento

Bambino di 11 mesi bruciato vivo da un'improvvisa esplosione del termosifone: travolto dal vapore mentre dormiva nella culla

Un  bambino  di soli 11 mesi è morto in seguito a un drammatico incidente mentre si trovava a casa con la mamma e le sorelline gemelle nate ...