domenica 4 giugno 2023

Giulia Tramontano, Spalletti commosso: «Lei e suo figlio festeggeranno con noi. Chi uccide una donna è un vigliacco»


 


Durante la conferenza stampa alla vigilia dei festeggiamenti per la vittoria dello scudetto da parte del Napoli, l'allenatore Luciano Spalletti ha deciso di chiudere l'incontro con i giornalisti ricordando con poche parole Giulia Tramontano, la ragazza incinta al settimo mese, uccisa dal fidanzato. 



Giulia Tramontano era una grande tifosa del Napoli e l'allenatore Spalletti si è commosso mentre le dedicava parole molto forti. 



L'allenatore Luciano Spalletti ha deciso di dedicare alcune parole a Giulia Tramontano, la giovane donna incinta uccisa dal fidanzato. L'ha fatto con le lacrime agli occhi, l'allenatore, e a stento è riuscito a terminare il suo discorso. Ha parlato di disumanità che si sta perdendo e, tra la commozione ha detto:

«Lui con la sua malvagità ha cancellato una storia che meritava di essere vissuta. Noi di questa storia brutalmente negata abbiamo scelto un’immagine che è quella di madre e figlio che, per mano, vanno insieme allo Stadio Maradona a tifare Napoli. Un’immagine che non vedremo mai. La festa di domani- oggi, domenica 4 giugno- sarà anche per loro, anzi loro saranno al Maradona con tutti noi. Chi pensa di poter risolvere le cose con la violenza, deve sapere che è un perdente senza futuro. Grazie».



L'allenatore del Napoli ha lasciato la sala conferenze visibilmente scosso dal discorso appena tenuto, mentre i giornalisti sono rimasti in silenzio.

Nessun commento:

Posta un commento

Bambino di 11 mesi bruciato vivo da un'improvvisa esplosione del termosifone: travolto dal vapore mentre dormiva nella culla

Un  bambino  di soli 11 mesi è morto in seguito a un drammatico incidente mentre si trovava a casa con la mamma e le sorelline gemelle nate ...