mercoledì 20 novembre 2019

COME EVITARE I CASTIGHI - Ecco le alternative


Adottare delle decisione sull'educazione dei propri figli non è
mai facile. 
Tutto ciò che i genitori fanno e il modo in cui educano i figli di ripercuoterà sulla vita futura dei bambini. Non bisogna mai perdere di vista l'obiettivo principale, vale a dire educarlo per bene e insegnargli ad essere responsabile.

Infatti ogni volta che un bambino combina qualche pasticcio o marachella, la prima cosa a cui pensa un genitore è subito IL CASTIGO.
Alcuni credono che il miglior modo di agire davanti a questi comportamenti sbagliati sia la punizione, come si faceva un tempo. Invece esistono delle alternative al castigo. E oltre ad essere molto più sane, evocano anche lo stesso effetto: insegnargli a comportarsi nel modo corretto.

Le migliori alternative al castigo


Leggete una storia

Molto utile per aiutare vostro figlio e' leggere una storia in cui i personaggi hanno lo stesso comportamento a quello che desiderate cambiare. Potete leggere queste storie in modo tale da fargli analizzare le conseguenze.
Mettendosi nei panni dei personaggi che commettono i suoi stessi errori, inizierà a comportarsi in modo migliore. Inoltre, leggere una storia a vostro figlio è un modo per creare un legame con lui.

Chiedete aiuto a vostro figlio

I capricci e un cattivo comportamento del bambino nascono dalla sua necessità di attirare la vostra attenzione. Quando voi gli chiederete aiuto per qualsiasi cosa, lui si sentirà importante.
Sarà proprio questa sensazione a predominare  e a renderlo un vostro alleato.
Anziché dirgli: “Scendi da quella sedia, vedrai cosa succede dopo che ho lasciato le borse in macchina”, potete dirgli:  “Amore, puoi aiutarmi  a portare le borse della spesa in macchina? Prendi questa, per favore”.
Questo funziona molto bene con i figli di 10-12 anni, che, nonostante i castighi e le conversazioni non migliorano il proprio comportamento.
Se vostro figlio lascia tutti i vestiti sparsi sul pavimento della sua camera, anziché continuare a ripetergli che non aiuta, domandategli che idea gli viene in mente per aiutare a risolvere questa situazione.
Ricordate che potete non essere d’accordo con la sua proposta, ma dovete quantomeno ascoltarlo e rispettare i suoi sentimenti. In questo modo riuscirete a ottenere che si responsabilizzi un po’ e trovi un modo per risolvere i problemi.

Invece di un “no” spiegate e offrite alternative

Se il bambino vi  chiede qualcosa e voi non siete d’accordo, al posto di un sonoro “no” offrite delle alternative accettabili per entrambi.
Immaginiamo che vostro figlio voglia disegnare sul divano o sul muro della cucina. Un’alternativa potrebbe essere spiegargli che il mobile si rovinerebbe  e che invece a voi piace così com’è.
Pensate a opzioni fattibili, come per esempio lasciargli libera una parete della cameretta dove può colorare come più gli pare e piace. Ciò significa che, invece di cambiare vostro figlio, dovete cercare di mettervi nella sua prospettiva.



Nessun commento:

Posta un commento

L'allarme dell'OMS sugli sciroppi per la tosse dopo la morte di 66 bambini. Cosa succede?

Scatta l' allarme  dell'Organizzazione mondiale della Sanità. Dopo la morte di ben 66 bambini in Gambia, l'Oms ha aperto un'...