domenica 8 novembre 2020

Bimbo di 5 mesi muore con il cuore perforato dal tubo per l'alimentazione: la mamma chiede giustizia


 


Un bimbo di appena 5 mesi è morto a causa di un errore con il suo tubicino dell'alimentazione.


Dal racconto riportato sul quotidiano britannico Metro, i medici avrebbero inserito lo strumento in modo errato andando così a perforare il suo cuoricino. Un tragico errore che ha portato il bimbo in arresto cardiaco dovuto dai danni celebrali causati dal tubicino.


I medici dell'ospedale Royal Manchester Children’s Hospital non si sono accorti dell'errore, il piccolo dopo pochi giorni dall' operazione è andato in arresto cardiaco. I genitori,Victoria Johnston-Millin e Sean McGrath, hanno subito sollevato preoccupazioni per le condizioni del figlio.


Il medico legale nominato dal tribunale, Zak Golombeck ha rivelato che Noah sarebbe morto a causa dell' errato controllo del posizionamento del sondino, evidenziando un errore dovuto dall'interpretazione dei raggi x.


La triste vicenda nel dicembre di due anni fa. I genitori avevano portato Noah in ospedale, perchè il piccolo era disidratato e in evidente perdita di peso. I medici hanno subito provveduto al ricovero e al successivo inserimento del sondino, che consente ai medici di poter nutrire per endovena il paziente.


La mamma ha raccontato che il piccolo all'inizio stava bene ma dopo alcuni giorni la situazione è precipitata, la donna ha anche provato più volte a far notare al personale sanitario che qualcosa non andava.


Noah è poi stato trasferito in terapia intensiva dove è morto poche ore dopo tra le braccia dei suoi genitori. “La morte di Noah ci ha lasciato molte domande  ha aggiunto la madre. Vorremmo capire come sia stato possibile inserire il sondino in modo errato e perchè nessuno lo ha rilevato, nonostante una radiografia e il malfunzionamento del tubo”.

Nessun commento:

Posta un commento

Marta la bimba di Palermo morta durante l'ora di educazione fisica avrebbe avuto un malore improvviso

Palermo, una città sotto shoc per la scomparsa della piccola Mara di soli 10 anni, morta durante l'ora di educazione fisica.