domenica 22 gennaio 2023

Neonata diventa blu e sta per morire, poi la gemella le mette il braccio attorno, un “abbraccio” che cambia tutto




Questa storia commovente racconta moltissimo del potere e dell’energia che abbiamo… e che possiamo condividere.

Tutto è iniziato con il buon senso di un’infermiera. Lei è il motivo per cui oggi molti bambini sono vivi e forse è proprio lei l’eroina in questa storia.


Questa commovente storia tra sorelle è comparsa per la prima volta più di 20 anni fa, ma è sempre bello leggerla. Non è facile trovare storie come questa, che dimostrano quanto possa essere potente l’amore.


Quando sono nate le gemelle Kyrie e Brielle Jackson, con 12 settimane piene di anticipo, il loro futuro era incerto. La mamma Heidi Jackson ha tenuto in grembo le sue bambine solamente per 6 mesi prima che nascessero e finissero in TIN in un ospedale di Westminster, in Massachusetts, il 17 ottobre 1995.


Le bambine sono state ricoverate subito in terapia intensiva in incubatrici separate per evitare il rischio di un passaggio di infezioni. Al tempo, questa era la procedura standard ed è stato così per tanto tempo. Kyrie faceva ottimi progressi e prendeva peso, ma la gemella più piccola Brielle non riusciva a stare al passo con lei. Un mese dopo la nascita, Brielle pesava solamente 1 kg e i suoi livelli di ossigeno erano bassi.


Il 12 novembre la sua salute peggiorò. Le sue condizioni erano critiche e, nonostante la squadra di medici agì rapidamente, non funzionava nulla.


Aveva le braccia magrissime e le stava diventando il viso blu per il pianto oltre a fare fatica per il battito cardiaco. I suoi genitori assistevano alla scena impauriti e credevano che avrebbero perso la loro preziosa bambina.


Ma poi l’infermiera Gayle Kasparian ha agito decidendo di andare contro il protocollo dell’ospedale. Voleva provare una pratica piuttosto comune in Europa ma sconosciuta negli Stati Uniti. Andava davvero contro la politica e le regole dell’ospedale, ma Gayle era così distrutta che decise di tentare.


L’infermiera ha messo la gemella più piccola in incubatrice con la sorella e ciò che è avvenuto dopo è considerato un “miracolo”.


“Quando ho messo Brielle con sua sorella è stato fantastico,” ha detto l’infermiera Kasparian al Telegram. “Si è calmata immediatamente, il battito cardiaco si è stabilizzato e ha cambiato colore.”

In solo pochi minuti Brielle si è calmata e i suoi livelli di ossigeno sono migliorati. Poi Kyrie le ha messo un braccio attorno e, fortunatamente, lì c’era un fotografo che ha scattato una foto del prezioso momento. Una foto iconica per tutti gli anni a venire.


Da allora, gli infermieri usano la tecnica del “letto doppio” o dell'”abbraccio” su altri parti gemellari prematuri. In precedenza, i gemelli prematuri stavano in incubatrici separate per ridurre il rischio di infezioni.


Le bambine sono rimaste in ospedale per due mesi prima di essere dimesse.


Chris Christo, fotografo di Telegram e Gazette, ha immortalato le gemelle mentre Kyrie abbracciava la sorella con il suo magrissimo braccino. Non immaginava che si sarebbe diffusa in tutto il mondo e che sarebbe stato un momento cruciale per la medicina negli Stati Uniti.


In seguito, la foto si è diffusa a macchia d’olio su internet, ed è finita anche su qualche copertina. L’attenzione dei media sui genitori Heidi e Paul Jackson è diventata così grande che ad un certo punto hanno cambiato numero di telefono. Tutti quanti volevano seguire gli sviluppi delle gemelle.


Ora, più di 20 anni dopo, le gemelle sono due donne e sono ancora molto unite. In un’intervista con Kyrie e Brielle quando erano adolescenti, le ragazze hanno detto che spesso parlano della stessa cosa nello stesso momento e che questo si ripercuote anche sul canto.


“A volte parliamo nello stesso momento. O se pensiamo a una canzone è la stessa e la stessa parte.”


Al tempo le ragazze hanno detto di essere ancora affascinate dalla loro storia e che si abbracciano ancora oggi. In più, rimangono vicine nei momenti difficili così come in quelli felici.


Dato che la loro storia ha toccato migliaia di cuori, è stata condivisa moltissime volte sui social. Ma purtroppo non tutte le informazioni sono corrette. Per esempio si trovano delle foto delle gemelle adulte che in realtà non sono Kyrie e Brielle. Forse alle persone piace pensare che siano loro, ma nel 2017 Brielle ha deciso di parlare e ha chiesto a tutti di fare attenzione a ciò che condividono.



“Lo dico una volta per tutte, le persone nella foto qui sotto non siamo io e mia sorella Kyrie. A noi assolutamente non importa se utilizzate le nostre foto per le vostre storie, anzi, personalmente, sono onorata che la nostra storia vi abbia commossi così tanto. Tuttavia, apprezzeremmo moltissimo che le immagini utilizzate siano corrette. La nostra storia fa parte di noi come tutto il resto. Apprezzeremmo che ciò venisse rispettato. Non so come queste due persone abbiano iniziato a comparire negli articoli su di noi, non so nemmeno chi siano, ma per favore smettere di usare le loro foto per i vostri articoli su di noi. 




Nessun commento:

Posta un commento

Violentata a 9 anni dall'amico di famiglia, genitori condannati: «Non vedranno più la figlia»

  Sapevano che la loro figlia veniva violentata sessualmente da un amico di famiglia, ma per lunghissimo tempo avrebbero fatto finta di nulla.