venerdì 23 giugno 2023

Neonata abbandonata adottata dal vigile del fuoco che l'ha trovata: «Io e mia moglie la aspettavamo da 10 anni»


 


Quando ha sentito suonare il campanello collegato alla culla a cui affidare neonati non voluti dai genitori in modo anonimo e sicuro, ha pensato a un falso allarme. 



Erano le due di notte del 2 gennaio 2023. Ma quando il vigile del fuoco in servizio quella notte è andato a controllare ha dovuto ricredersi: ad attenderlo c'era una bambina avvolta in una coperta rosa. Un segno del destino per l'agente, che sin dal primo sguardo ha sperato che quella bimba sarebbe diventata sua figlia



La storia a lieto fine della piccola Zoey, questo il nome dato alla neonata che oggi ha cinque mesi, è stata raccontata proprio dal vigile del fuoco che l'ha raccolta dalla Safe Haven Baby Box della stazione di Ocala, in Florida, ed è diventato a tutti gli effetti suo padre. «Aveva con sé un biberon e stava riposando. L'ho presa e l'ho tenuta in braccio. Abbiamo incrociato gli occhi e basta. L'ho amata da quel momento», ha spiegato l'uomo che da oltre un decennio stava provando insieme alla moglie ad avere un figlio. Da quel primo sguardo, la sua mente ha cominciato a elaborare quali sarebbero state le mosse successive: «Non ho chiamato subito mia moglie, perché non volevo svegliarla, ma sapevo che sarebbe stata d'accordo». 


E così, quando ha accopagnato la bambina in ospedale per i dovuti controlli, le ha lasciato accanto un biglietto in cui chiedeva di poterla adottare: «Spiegai che io e mia moglie cercavamo da 10 anni di avere un bambino. Ho detto loro che avevamo completato tutti i nostri corsi nello stato della Florida e che eravamo registrati per l'adozione. Tutto ciò di cui avevamo bisogno era un bambino». Inutile dire che la moglie del vigile del fuoco ha accolto la notizia tra le lacrime.



Zoey è stata collocata nel Safe Haven Baby Box della stazione il 2 gennaio. Il 4 gennaio era a casa con il pompiere e sua moglie. La coppia ha adottato la bambina ad aprile. «Il modo in cui l'ho trovata... questo è stato Dio che ci ha aiutato», ha detto, aggiungendo che sta condividendo la storia per far sapere anche alla madre naturale della piccola che la bimba sta bene ed è circondata dall'amore di una famiglia. 

Nessun commento:

Posta un commento

Bambino di 11 mesi bruciato vivo da un'improvvisa esplosione del termosifone: travolto dal vapore mentre dormiva nella culla

Un  bambino  di soli 11 mesi è morto in seguito a un drammatico incidente mentre si trovava a casa con la mamma e le sorelline gemelle nate ...