sabato 31 dicembre 2022

Neonata morta dopo la poppata: era malata di Covid. Indagati per omicidio mamma e nonno, ma l'autopsia ha escluso maltrattamenti


 


Morta nella culla dopo la poppata di metà mattina. 



Una neonata di tre mesi è stata ritrovata senza vita dalla mamma, che dopo poche ore è tornata a controllarla nella stanza dove riposava, ma sua figlia non respirava più. La donna, 29 anni, insieme al nonno 51enne della bimba, ha provato a rianimarla, forse scuotendola, ma senza alcun esito.



La neonata deceduta in casa in provincia di Brescia, in un paese della Bassa bresciana, era l'ultima nata in una famiglia, con un trascorso già difficile; infatti gli altri tre figli della donna, già seguiti dai servizi sociali, sono stati allontanati dalla famiglia, riporta il Giornale di Brescia.



La procura bresciana, subito dopo il decesso della neonata, ha aperto un'inchiesta - dovuta per accertare le cause della morte - iscrivendo la donna e il nonno nei registri degli indagati, con l'accusa di omicidio colposo: benché la vittima fosse affetta da una forma aggressiva di Covid, di cui si presume la mamma non fosse al corrente, si ipotizza che le eventuali percosse subite dalla neonata possano averne cagionato la morte.



Sarà l'autopsia, richiesta dal magistrato ed eseguita in un centro specializzato Covid di Verona, a stabilire se sia stato il virus a uccidere la bimba o se possa prendere valore il sospetto di maltrattamenti.



«É giusto che la Procura voglia effettuare tutti gli accertamenti. Siamo convinti che si sia trattato di una tragedia. La famiglia è distrutta dal dolore» hanno detto i legali che difendono i due indagati, che ai carabinieri hanno spiegato di aver tentato in ogni modo di rianimare la neonata quando si sono accorti che non respirava più.



È stata eseguita l'autopsia sul corpo della bambina di due mesi morta in casa in un paese in provincia di Brescia. Dalle prime informazioni non sarebbero emersi segni di percosse e scuotimento. La procura ha firmato il nullaosta per la sepoltura e restituito il corpo alla madre, che con il nonno, risulta indagata per omicidio colposo.



Il medico legale si è preso del tempo per rispondere al quesito del pubblico ministero, Alessio Bernardi, che ha chiesto dettagli sulle cause del decesso e se questo poteva essere evitato. La bambina è risultata positiva al Covid e dopo il decesso il tribunale dei Minori di Brescia ha tolto alla madre gli altri tre figli, in virtù di un provvedimento che risulterebbe essere precedente alla tragedia avvenuta giovedì pomeriggio.

Nessun commento:

Posta un commento

Violentata a 9 anni dall'amico di famiglia, genitori condannati: «Non vedranno più la figlia»

  Sapevano che la loro figlia veniva violentata sessualmente da un amico di famiglia, ma per lunghissimo tempo avrebbero fatto finta di nulla.